you reporter

Minacciò di morte l'ex sindaco Piva <br/> 43enne perdonato e assolto

Il caso

47954

08/10/2015 - 17:30

ROVIGO - Si è concluso con un “non doversi procedere” il processo contro Michele Garavello, un 43enne affetto da obesità, che aveva minacciato l’ex sindaco Bruno Piva perché non aveva mantenuto la promessa elettorale di trovargli un lavoro.

Il sindaco lo aveva già perdonato, ma trattandosi di minaccia grave, la procura di Rovigo aveva proceduto d’ufficio. Invece durante il processo il reato è stato ritenuto non grave dal giudice onorario Alessandro Lucifora e dunque procedibile a querela. Sarebbe dovuto essere lo stesso Piva a querelarlo. Ma non lo ha fatto.

L’invalido, pesante 180 chili, di Sant’Apollinare difeso dall’avvocato Paolo Zannini, ha chiuso così questa vicenda che appesantiva ancora di più il suo stato di disagio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl