you reporter

Detenuto si scaglia contro le guardie<br/> pugni e gomitate, feriti quattro agenti

Il caso

49534

04/11/2015 - 11:00

di Alberto Garbellini

ROVIGO - Si è scagliato come una furia contro i due agenti di polizia penitenziaria. Li ha colpiti con pugni e calci. Botte che poi ha riversato anche su altri due agenti accorsi per immobilizzarlo. Alla fine quattro poliziotti feriti da un detenuto italiano all’interno del carcere di Rovigo.

Il parapiglia è scoppiato nella mattinata di lunedì scorso in una delle sezioni della casa circondariale di via Verdi. Tutto comincia quando due poliziotti penitenziari riprendono il detenuto. Gli intimano di non accedere ad un area del carcere nella quale non può andare, di rispettare il regolamento interno. Non è la prima volta che il rodigino, in cella per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, viene ripreso per quel tipo di infrazione.

Questa volta però nella testa del recluso scatta una molla che lo trasforma in una sorta di indiavolato. L’uomo aggredisce i due agenti, prima li insulta, poi passa alle vie di fatto. Una vera furia per una ribellione assurda. Sulle due guardie si abbattono colpi, alcuni a segno, altri a vuoto. Un agente viene colpito da un calcio al ginocchio, il suo collega si becca un pugno al volto. Ferite che poi saranno refertate dai medici dell’Ulss 18 con prognosi di guarigione di 10 e 3 giorni.

Intanto nel corridoio dell’ala del carcere accorrono altri due agenti che provano ad immobilizzare il detenuto, ormai fuori di sè, che reagisce con altri calci e gomitate per liberarsi dalla presa degli agenti. Alla fine le guardie riescono a bloccare il detenuto e a metterlo in condizione di non colpire più.
I quattro assistenti capo della polizia penitenziaria ricorrono alle cure dell’ospedale di Rovigo per farsi medicare le ferite riportate.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl