you reporter

Orrore al canile le prime foto <br/> omicidio-suicidio: tre morti

Fenil del Turco

26/02/2016 - 20:34

Ore 21:45. Le ultime notizie confermano le tre vittime. La custode moldava del Rifugio Cipa, classe 1964, la figlia, classe 1984 e il marito di quest'ultima, un ragazzo albanese del 1974. Erano diverse settimane che la figlia era tornata a casa dalla madre, dopo aver rotto col marito. E quest'ultimo, dal canto suo, si era già presentato nel Canile dalla moglie, pare in modo molto aggressivo. I due, infatti, avevano due figli, uno di 10 e l'altro di 3 anni. Forse per poterli vedere. Tanto che in una di queste occasioni, la scorsa settimana, erano già intervenuti i Carabinieri. E intorno alle 19 del 26 febbraio, il raptus che ha portato alla carneficina. Ferito il marito della custode moldava, è stato ricoverato in ospedale e operato. Pare fuori pericolo di vita. Illesi i bambini e il figlio 17enne della custode.


Nuovo aggiornamento dal Canile di Fenil del Turco: i morti sono tre, due donne di origine moldava ed un albanese. Si tratta della custode della struttura e della figlia. Secondo le prime ricostruzioni, a fare fuoco è stato il marito di quest'ultima, al culmine di una furibonda lite. L'uomo, poi, si sarebbe suicidato. Ferito il marito della custode: non è in pericolo di vita. Si sono salvati il figlio 17enne della vittima e un bimbo di due anni.

Aggiornamenti in tempo reale. Sul posto i carabinieri di Rovigo, che hanno isolato la zona.

Sparatoriaal canile sanitario di Fenil del Turco. Secondo le prime ricostruzioni una donna è rimasta uccisa, e un uomo risultava ferito gravemente.
La persona armata sarebbe ancora all'interno della struttura. Sul posto, ora inaccessibile, carabinieri e varie ambulanze.


Pubblicate le prime immagini dal Canile dov'è successa la strage


In edicola sulla edizione di sabato 27 febbraio della Voce tutti i fatti e la storia

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl