you reporter

Sesso a tre col figlio minore <br/> a processo madre e patrigno

Tribunale

40096

Un minorenne vittima di abusi della madre e del compagno

07/04/2016 - 19:07

Costretto a stare in camera e a guardare mentre la madre e il suo patrigno facevano sesso, obbligato a masturbarsi e pure picchiato: è la tragedia di un bambino di sette anni.



Accusati la madre rumena e il patrigno sudamericano, a processo davanti al collegio del tribunale di Rovigo per maltrattamenti, violenza sessuale aggravata e corruzione di minore.



Il bimbo all'epoca dei fatti, tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013, aveva appena sette anni, troppi per poter dimenticare l'orrore, pochi per potersi difendere. Viveva con la madre, che si era separata da un precedente matrimonio e il nuovo compagno sudamericano.



Secondo le accuse mosse da una denuncia del papà naturale del bambino e su cui hanno indagato Polizia e Procura di Rovigo, in più occasioni nella casa familiare il bambino venne sottoposto a violenze con pugni, schiaffi e umiliazioni. Inoltre sarebbe stato invitato a rimanere nella stanza ad assistere alle sessioni hard, cosa confermata dal bimbo durante l’incidente probatorio.



Il servizio completo in edicola nella Voce di venerdì 8 aprile

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl