you reporter

Brexit, l'agricoltura non rischia <br/> "E' assolutamente gestibile, anzi..."

L'indagine

campi[1].JPG

29/06/2016 - 10:07

“L’uscita della Gran Bretagna da un punto di vista del bilancio è assolutamente gestibile”. Massimo Chiarelli, direttore di Confagricoltura Rovigo, interviene sulle possibili conseguenze della
Brexit
nel mondo agricolo.



“Tra le politiche europee, la posizione del Regno Unito come contributore netto è la più debole - spiega - quindi la perdita del bilancio Pac (Politica agricola comune ndr) dopo la Brexit ammonta al 5%. Inoltre ora è verosimile pensare a un riequilibrio ancora più a favore della Politica agricola comunitaria partendo dalla considerazione che nei negoziati sulla futura revisione del bilancio Pac si perde uno dei paesi principali oppositori”.



Sono però da verificare le conseguenze che l’export di prodotti agricoli avrà nel medio e lungo periodo sul mercato britannico. In modo particolare il settore vitivinicolo e quello ortofrutticolo sconteranno difficoltà di collocamento e aumento di dazi all’entrata.



Il servizio completo sulla Voce in edicola il 29 giugno



LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl