you reporter

“Diteci perché Giovanni è morto”

Il caso

03/08/2016 - 09:57

“Sono passati sei mesi e mezzo da quando è morto Giovanni e non abbiamo ancora avuto notizie sulle ragioni del suo decesso. Soprattutto, dopo il conferimento dell’incarico ai periti da parte della procura, i medici legali non hanno ancora provveduto a depositare gli esiti della perizia”.
A parlare, attraverso il suo avvocato, Cristiano Violato, è la famiglia di Giovanni Morello, il bimbo di soli 6 anni, morto durante un ricovero in pediatria all’ospedale di Rovigo, il 13 gennaio scorso.



I consulenti della procura e quelli delle parti, nominati dall’Ulss 18 e dalla famiglia di Giovanni Morello, si erano incontrati lo scorso maggio per un confronto sull’autopsia effettuata sul corpo del bambino. Al momento l’unica causa certa emersa rispetto alla morte è un’occlusione dell’ansa intestinale. Una patologia che agli esami ecografici non era emersa.



La procura di Rovigo ha aperto un fascicolo per omicidio colposo nei confronti di sette tra medici e assistenti dell’ospedale di Rovigo. Ora la famiglia, attraverso il suo legale, chiede spiegazioni “per questo ritardo, il perché del protrarsi del deposito della perizia”.


Tutti i dettagli sulla Voce in edicola il 3 agosto

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl