you reporter

Polesine e Iran sempre più vicini

Economia

24/11/2016 - 06:18

Nel luglio scorso la visita a Teheran di una delegazione polesana guidata dal presidente di Api Rovigo, Alessandro Duò, ha segnato la svolta nell’attività di promozione e sviluppo di scambi economici e rapporti commerciali fra il Polesine e l’Iran che ruota attorno all’attività dell’associazione Polesine-Teheran, guidata da Neyad Zighami, imprenditore di origine iraniana che da anni vive e lavora in Italia.



E sull’onda di quella visita, e dei contatti presi in quell’occasione con il mondo imprenditoriale iraniano, mercoledì 23 novembre è sbarcato in Polesine Mohammadreza Ghahrodi Azizi, ingegnere e imprenditore nel settore dei manufatti, impegnato in una serie di incontri con il mondo economico, associativo e politico. Sul tavolo la possibilità di dare concretezza ai contatti intercorsi in questi mesi. Già impegnato in rapporti commerciali con l’Italia, Azizi sta infatti studiando - insieme all’associazione Polesine-Teheran - la possibilità di dare vita ad un soggetto economico italo-iraniano attraverso il quale operare sul mercato nazionale e internazionale. La possibilità che questa impresa nasca nel Delta è, da questo punto di vista, un’opportunità importante per l’intero territorio.



Nel corso della sua prima giornata in Polesine, Mohammadreza Ghahrodi Azizi ha incontrato una delegazione di Api Rovigo guidata dal direttore Raffaele Crepaldi e, a seguire, l’onorevole Diego Crivellari. L’imprenditore si è poi trasferito a Palazzo Nodari per un appuntamento con il sindaco Massimo Bergamin. Una serie di vertici per verificare la concreta possibilità di far partire in Polesine un’attività economica di respiro internazionale.



“E’ stato un incontro molto interessante - ha spiegato al termine l’onorevole Crivellari - non solo per il grande fascino di un Paese come l’Iran. L’Italia è già il secondo partner commerciale dell’Iran, un paese giovane, dinamico e con una grande voglia di aprirsi al mondo. E con una grande voglia di Italia. Il lavoro che viene portato avanti per rinsaldare questo asset è dunque particolarmente importante per la nostra realtà economica”.



Soddisfatto della visita anche il primo cittadino di Rovigo, che dopo avere affrontato i temi economici ha trovato pure il modo di scherzare con l’ospite, “uno dei primi che non viene a suonare il campanello per raccontare problemi ma per impostare un ragionamento di sviluppo”.



La visita di Azizi proseguirà anche nei prossimi giorni per definire concretamente la possibilità di un investimento e di una compartecipazione in un’impresa da sviluppare nella realtà polesana. “E sarebbe una delle primissime esperienze di questo genere in Italia, un risultato di cui andiamo orgogliosi essendo stati davvero fra i primissimi a scommettere sulle potenzialità di quei mercati”, ha sottolineato il presidente di Confapi Rovigo, Raffaele Crepaldi.



Del resto, proprio l’idea di creare contatti in un mondo, l’Iran, alla ricerca di partner seri ed affidabili, è stato all’origine dell’iniziativa intrapresa dall’associazione di categoria.



La scommessa che abbiamo fatto nel luglio scorso con la nostra visita in Iran sta portando i primi frutti. Questo percorso - conclude Crepaldi - fa del resto parte di quei servizi innovativi che Api Rovigo sta strutturando per fornire alle imprese associate la possibilità di cogliere tutte le opportunità presenti sul mercato”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl