you reporter

Il vescovo riunisce i sindaci della provincia: "Basta divisioni"

L'incontro

70845

04/02/2017 - 17:48

Un modo per riprendere il filo. E capire “a che punto siamo arrivati” sulla strada della costruzione del Polesine che sarà. L’annuale incontro del vescovo con gli amministratori del Polesine, incentrato sugli aspetti sociali del nostro territorio, riallaccia un filo rosso. Quello inaugurato con l’incontro del 2011, quando si parlò di “Sviluppo condiviso per progettare il Polesine del 2020”.


Attorno al tavolo, lunedì 6 febbraio alle 17.30 al Don Bosco di via Marconi, per capire cosa è stato fatto e cosa resta da fare, ci saranno gli stessi protagonisti di allora: Edoardo Gaffeo, docente del dipartimento di economia e management all’università di Trento; Giorgio Osti, docente di scienze politiche e sociali al dipartimento di scienze politiche e sociali dell’università di Trieste; Vincenzo Rebba, docente del dipartimento di scienze economiche università di Padova e ricercatore del Centro di ricerca interdipartimentale sull’economia pubblica; e Roberto Tovo del dipartimento di ingegneria università degli studi di Ferrara.




“Il compito della chiesa è quello di offrire spazi che siano neutri dando l’occasione di riflettere - le parole del vescovo Pierantonio Pavanello, che ieri ha presentato l’incontro - in questo mio primo anno da vescovo non ho potuto fare a meno di notare che c’è bisogno di fare squadra tra sindaci, amministratori e forze sociali per risolvere il problema. Purtroppo c’è un limite oggettivo e i poli rimangono divisi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl