you reporter

Ascom sempre più nei guai, scatta il "Piano B"

La grande crisi

71331

11/02/2017 - 09:00

L’affaire Ascom, portato all’attenzione della cronaca dalla Voce, con l’associazione di categoria dei commercianti giunta “all’ultima spiaggia” (o sull’orlo del baratro, che è più o meno la stessa cosa) potrebbe risolversi nei prossimi giorni con una “soluzione ponte”, una sorta di piano B: niente salvataggio dell’associazione polesana da parte della consorella veneziana, ma una ciambella lanciata in mare, quella sì.


Insomma: i debiti e gli oneri a carico di Ascom Rovigo sembra proprio che siano stati ritenuti eccessivamente onerosi da parte della Confcommercio di Venezia.

Ecco allora che la soluzione a cui si sta lavorando in queste ore, e che potrebbe portare ad una fumata bianca già la prossima settimana, prevede la liquidazione dell’attuale Ascom e la nascita in contemporanea di una sorta di “nuova Ascom” legata a Venezia. Insomma si arriverebbe ad una sorta di Confcommercio Venezia-Rovigo. O Venezia-Polesine. Con una differenza però sostanziale rispetto a qualsiasi altra operazione del genere fatta nel recente passato: il Polesine, pur con i suoi rappresentanti, non sarebbe nella condizione di avere un reale potere decisionale.

Servizio sulla Voce in edicola sabato 11 febbraio

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl