you reporter

Soldi, privati e sede: nel Cur la guerra è sotterranea

Università

71254

Gian Michele Gambato

11/02/2017 - 06:35

di Luca Crepaldi

D’accordo: i panni sporchi vanno lavati in famiglia. Ma c’è un limite a tutto, e a un certo punto si passa dal cercare di spegnere un incendio a negare che sia mai esistito. Non si leggono altrimenti le dichiarazioni del vicepresidente della Camera di Commercio Gian Michele Gambato e dell’assessore comunale Andrea Donzelli.


Che, a quanto pare, nel conclave del Cur se le sono date di santa ragione su tutto, dall’apertura ai privati della compagine sociale dell’università, alla questione della sede, e persino sui compensi al consiglio di amministrazione dell’ente. Ma che poi, fuori dalle segrete stanze, cercano di ridimensionare lo scontro.


Intanto, mercoledì scorso il presidente del Cur Mauro Venturini, con una lettera, ha chiesto espressamente ai soci di "procedere una verifica giuridica dei contenuti dello statuto e di formulare una proposta di modifica che tenga conto delle nuove esigenze e dei nuovi indirizzi”. Sul tavolo, ancora una volta, l'ingresso dei privati nel Cur.

Il servizio completo sulla Voce in edicola sabato 11 febbraio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl