you reporter

Parco Maddalena, un buco nero: "La sicurezza è a rischio"

Commenda

71950

19/02/2017 - 00:01

La Commenda non ne può più. L’annuncio dell’assessore Saccardin dello slittamento di un anno della riapertura di parco Maddalena è stata una vera e propria doccia gelata sui sogni degli abitanti del quartiere.



Che vedono in quei novemila metri quadrati recintati e resi off limits ormai da quasi cinque anni un buco nero nella cartina geografica della zona, e una ferita profonda al cuore dell’intera città. Ma anche un vulnus dal punto di vista della sicurezza.



Una situazione diventata inaccettabile. “Chi abita vicino al parco lo sa bene: da quelle erbacce, ogni giorno, escono centinaia di topi che infestano tutta l’area. Non si può vivere così, in Commenda è tempo di cambiare”, scuote la testa sconsolato Flavio Ambroglini, residente della zona ed ex assessore comunale.



“Aspettiamo ancora un po’, confidiamo nell’arrivo del finanziamento da Roma che dovrebbe mettere a posto le cose. Ma se ci saranno altri ritardi siamo pronti, assieme a tantissimi residenti della Commenda, a fondare un comitato di quartiere per far sentire la nostra voce. Qui non si vive più sereni”, racconta Ambroglini.



Il servizio completo sulla Voce in edicola domenica 19 febbraio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl