you reporter

Colpi di cintura e padella sui bambini, genitori accusati di maltrattamenti

violenza in famiglia

51672

Maltrattamenti

29/03/2017 - 15:52

Forse pensavano di "educarli" con metodi "efficaci", ma sono finiti a processo per maltrattamenti due rumeni di 38 anni, residenti a Occhiobello, che prendevano i figli a colpi di padella e cintura e li ingiuriavano per "metterli in riga".



Stamattina, 29 marzo, il gip Alessandra Martinelli ha deciso il rinvio a giudizio per R. M. S, l'uomo e patrigno dei bambini di 13 e 14 anni e I. B, la sua compagna e mamma naturale dei bimbi.



I fatti risalgono al marzo del 2015, l'indagine per maltrattamenti è stata coordinata dal pm Monica Bombana.



Pesavano sui minorenni non solo le percosse, gli schiaffi, gli strattoni, anche le ingiurie. Tra le più "leggere": "Se alzi la voce un'altra volta con me ti spacco i denti della bocca e ti raso a zero i capelli", o ancora, "vai via da lì o ti spacco il culo.



I due imputati sono difesi dall'avvocato Anna Osti del foro di Rovigo, mentre i minorenni, rappresentati dal curatore speciale avvocato Laura Tosini, nel processo sono difesi dall'avvocato Gianluca Pertoldi.




Il servizio domani 30 marzo sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl