you reporter

Falchi in agguato contro i piccioni, la misura innovativa della Provincia

Il piano

80120

18/05/2017 - 12:02

Contro i piccioni, che insidiano i raccolti agricoli e imbrattano le città scenderanno in campo i falchi. Così ha deciso la Provincia di Rovigo varando il nuovo piano per il controllo di questi fastidiosi pennuti, in vigore per i prossimi cinque anni.



Alla luce degli scarsi risultati ottenuti attraverso le misure adottate in precedenza, Palazzo Celio ha deciso di sperimentare un metodo ecologico "innovativo".



I falchi, tuttavia, non avranno il compito di uccidere i piccioni, nonostante l'abbattimento diretto sia contemplato nel piano, ma soltanto di allontanarli dai tetti degli edifici e dagli stabilimenti di raccolta di grano e di altri cereali. Per evitare che la stretta del rapace si riveli fatale, i falconieri hanno l'obbligo di coprire gli artigli dei loro animali.



I falchi, però, non pattuglieranno costantemente i cieli del Polesine, ma verranno liberati soltanto per azioni mirate e controllate direttamente dalla Provincia, su richiesta dei comuni che decideranno di attuare questa nuova misura anti-piccione. Per il resto, paesi e città potranno adottare i provvedimenti che riterranno più efficaci, nel rispetto delle linee guida individuate dalla Provincia.



L'obiettivo è tenere a bada i pennuti che, se in campagna sono una vera calamità per i raccolti e i depositi di granaglie, in città causano problemi di sporcizia e di trasmissione di malattie.



LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl