you reporter

Sequestrato di nuovo il telefono al comandante Tesoro

L'inchiesta

04/07/2017 - 23:50

E' accaduto una quindicina di giorni fa.



I carabinieri si sono presentati al comando della Polizia locale di viale Oroboni e hanno nuovamente sequestrato il telefono cellulare al comandante della polizia locale Giovanni Tesoro.



Il motivo? Dopo il sequestro di telefoni e computer di fine maggio nell'ambito dell'inchiesta partita da una lettera anonima che lo vede indagato per abuso d'ufficio e falso ([url"Leggi qui"]http://www.polesine24.it/Detail_News_Display/Rovigo/abuso-d-ufficio-peculato-e-falso-indagato-il-comandante-della-polizia-locale[/url]) il comandante aveva fatto quello che qualsiasi cittadino avrebbe fatto: aveva chiesto una nuova sim con lo stesso numero, in modo che chi aveva i suoi recapiti potesse continuare a rintracciarlo.



Una mossa che però non è piaciuta alla Procura che teme che in questo modo il comandante possa in qualche maniera rientrare nelle memorie della sim sequestrata. Ma è possibile? Mah...



Da qui la decisione del nuovo sequestro. Con la difesa di Tesoro che ha già annunciato ricorso al Tribunale del Riesame.



Nel frattempo a Tesoro, che ha respinto da subito ogni accusa e che è regolarmente in servizio, dopo che il sindaco ha rigettato la sua richiesta di aspettativa, non è restato altro da fare che attivare un nuovo numero, questa volta diverso dal precedente. Come dire: chi ha bisogno del comandante della polizia locale meglio che telefoni al comando, al numero fisso.



Le accuse a Tesoro erano contenute in una lettera anonima - che in molti pensano opera di un corvo interno al comando o perlomeno informato delle dinamiche interne - che lo stesso Tesoro, a cui era stata girata dal segretario generale del Comune con la richiesta di chiarimenti, ha inviato in Procura.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl