you reporter

Consvipo, inutile se non dannoso: è ora di chiudere

L'appello di Adria

46473

L'assessore Federico Simoni

27/07/2017 - 10:01

Approvate anche voi entro il 31 luglio la delibera di recesso dal Consvipo”. Fa un appello ai resilienti il vicesindaco di Adria Federico Simoni, che con la giunta guidata da Massimo Barbujani porta in consiglio la delibera di uscita dalla compagine dei 50 soci dell’ente.




Stessa discussione, oggi, scalderà l’aula consiliare di Palazzo Nodari, dove la delibera della giunta diretta da Massimo Bergamin passerà al vaglio di maggioranza e opposizione.




Non c’è un altro modo per uscire dalle grinfie di un ente “vampiro”, che chiede risorse ai suoi associati, ma “eroga solo il contributo ricevuto da Adriatic Lng sulla base dell’accordo di programma del 2008 pari a 12 milioni di euro - precisa Federico Simoni, uno dei più appassionati sostenitori della chiusura della società partecipata - Fondi che sono stati elargiti soprattutto nel Delta”.




Solo che quello - aggiunge Simoni “Era un accordo una tantum. Nel frattempo non hanno cercato i fondi europei necessari e hanno chiuso in rosso di quasi 60mila euro”.




Poi “c’è la questione fotovoltaico, una bomba, gestita male”, assicura Simoni. Un debito per mutui accesi con Banca Intesa San Paolo di oltre 4 milioni di euro, per impianti che non rendono altrettanto. “Quella è una rogna per i comuni, gli impianti non generano un ritorno tale da pagare i mutui”, assicura Simoni.



Il servizio completo sulla Voce di Rovigo di oggi 27 luglio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl