Cerca

L’antitetanica? Passi fra due mesi

Il caso

111429
Operaio rodigino doveva effettuare il richiamo del vaccino per lavoro. Ma è stato respinto
" Il richiamo dell’antitetanica? Ci spiace, torni tra due mesi”.



E’ l’ incredibile, e per certi versi assurda, risposta che un operaio rodigino si è sentito dare alla sua richiesta di effettuare un richiamo del vaccino antitetanico.



L’uomo, dipendente di una fabbrica polesana, doveva effettuare la vaccinazione nel quadro delle disposizioni sulla prevenzione sui luoghi di lavoro.



Eppure all’ ospedale di Rovigo, venerdì scorso, gli hanno detto che il servizio sanitario non era nelle condizioni di effettuare il richiamo.

Che di scorte ce n’erano poche e andavano conservate per le urgenze. E che ci sarebbero voluti un paio di mesi per poter dare risposta alla richiesta.



E così all’ operaio non è rimasto che tornarsene a casa.



Il servizio completo su La Voce di martedì 6 febbraio.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy