Cerca

Neve e gelo insidiano il Polesine

Meteo

112267
La Protezione civile in allerta fino a martedì: rischio su Sinistra Po, Badia e Lendinara. E dopo i fiocchi bianchi, allarme per le ghiacciate.
Un nuovo vortice di aria fredda spinge l’inverno sopra il Polesine. E si riaccende l’allerta neve che - dice la Regione Veneto - potrebbe arrivare anche in pianura, tra lunedì e martedì mattina.



Per questo, il centro funzionale decentrato della Protezione civile del Veneto ha addirittura dichiarato la fase operativa di attenzione, fino alle 8 di martedì, nelle zone di pianura della nostra regione.



E la neve non è l’unica cosa che preoccupa: dopo i fiocchi bianchi, infatti, bisognerà stare attenti alle gelate. Infatti, le previsioni dicono che la colonnina di mercurio, soprattutto tra martedì e giovedì, crollerà sotto lo zero, con minime attese di -3.



A confermare che la neve potrebbe arrivare anche in Polesine, “tra lunedì sera e martedì mattina”, è anche Maycol Checchinato, il guru del meteo sui social, fondatore del gruppo Facebook “Bassa Pianura Padana Photo e Meteo”.



Secondo la mappa elaborata da Maycol, la probabile di una imbiancata è alta sulla Sinistra Po, da Ficarolo a Melara, e fino alla zona di Badia e Lendinara. Possibile poi, a seconda delle condizioni meteo del momento, che il fronte bianco si allarghi anche verso est, arrivando a comprendere la città di Rovigo e il Medio Polesine.



Nessun rischio neve, invece, da Adria al mare: il Basso Polesine, dunque, non dovrebbe essere toccato dalla neve. Previsto soltanto un forte vento di bora.



Il servizio completo e tutti i dettagli sulla Voce in edicola lunedì 12 febbraio.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy