you reporter

SANITA’

Il West Nile fa paura, 45 i casi

Gravi, in rianimazione a Rovigo, una donna di 58 anni di Trecenta e un uomo di 69 anni di Gaiba

West Nile, è allarme: un contagio a Rovigo e uno ad Adria

22/08/2018 - 21:49

 Nella vicinissima Ferrara si è registrato oggi un altro decesso, mentre a Padova la prima persona morta per il virus West Nile si è verificata martedì. Rovigo, nonostante sia tra le province più colpite in Veneto è stata finora “graziata” dalla Febbre del Nilo. Anche se i casi con malattia neuroinvasiva sono dieci, di cui due in condizioni critiche, non si sono registrati decessi.

“La variabile delle condizioni fisiche dei pazienti è fondamentale - ribadisce il dottor Edgardo Contato, direttore sanitario dell’Ulss 5 - Conta lo stato di base delle persone contagiate. Anche se ci sono state forme neuroinvasive possiamo dire che finora è tutto sotto controllo”.

L’ultimo bollettino pubblicato ieri dall’Ulss 5 parla di 30 casi accertati di Febbre del Nilo, mentre sono 15 i contagi non conclamati. Si attendono infatti i risultati delle analisi che arrivano dai laboratori di Padova. Dunque sono 45 i casi in studio tra gli ospedali di Rovigo e Adria. Tra lunedì e martedì sono stati accertati gli ultimi due contagi, che avvengono con una semplice puntura di zanzara del tipo comune, ovvero la “Culex”. Si tratta di un uomo di 59 anni di Vighizzolo d’Este (Padova). Il paziente si è rivolto a Rovigo in Malattie infettive, dove ha chiesto consulenza il 10 agosto scorso. In realtà è già guarito, ma dalle analisi è emerso che era stato contagiato, come evidentemente temeva per i sintomi che mostrava. per lui, fortunatamente, nessuna forma neuroinvasiva.

Martedì è stato invece accertato un nuovo caso di contagio a Corbola. Il contagiato è un uomo di 70 anni, ricoverato in Malattie infettive dal 13 agosto scorso, che poi è stato dimesso. Il comune di Corbola ha in programma la disinfestazione dell’area di residenza del paziente contagiato.

E’ ancora in programma la disinfestazione nel comune di Fiesso Umbertiano, dove il 13 agosto scorso una donna di 54 anni ha mostrato i sintomi del West Nile. La signora è stata dimessa in questi giorni, dopo una settimana di sofferenza acuta.

I due pazienti critici di Rovigo sono il 69enne di Gaiba, ricoverato in malattie infettive dal 17 luglio e dal 28 luglio trasferito in Rianimazione, e una donna di Trecenta, di 58 anni, ricoverata in Nefrologia dal 3 agosto e dal 5 agosto in Rianimazione a Rovigo.

Per il resto, la zanzara culex ha colpito ovunque in Provincia di Rovigo, dall’Alto, al Medio al Basso Polesine. Da Rovigo a Occhiobello, a Bergantino, a Stienta, a Corbola e a Cavarzere. C’è solo da farsene una ragione e stare molto attenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl