you reporter

Rovigo

Piazza Cepol, restyling in stand-by

Fermi i 100mila euro della Regione. L’assessore ai Lavori Pubblici: “Non abbiamo l’acqua alla gola”

Piazza Cepol, restyling in stand-by

05/12/2018 - 17:17

La pavimentazione è come sbriciolata, dentro la fontana “morta” ogni tanto galleggiano rifiuti sull'acqua ristagnante. La piazza Cepol, al centro del quartiere Commenda abbandonata da tempo da commercianti e residenti, sembra l’ultimo dei pensieri anche dell’amministrazione comunale.

Il progetto di riqualificazione dell’area che prevedeva addirittura un anfiteatro e già finanziato dalla Regione è slittato di un anno rispetto ai programmi.

Si trattava di un progetto ambizioso per il quale la Regione ha già stanziato 100mila euro. “Abbiamo tempo per la rendicontazione al 2021 - ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Antonio Saccardin - i 100mila euro erano stanziati anche per portare l’elettricità nelle piazze delle frazioni - ma dobbiamo trovare 40mila euro a bilancio che sono a carico del Comune, per avviare il progetto. Inseriremo il progetto nel piano delle opere pubbliche del 2019”.

Intanto 100mila euro pronti rimangono fermi in attesa che il Comune le sblocchi, ma “non abbiamo l’acqua alla gola”, ripete l’assessore Saccardin.

Eppure piazza Cepol, intanto, a vederla sembra definitivamente naufragata più che con l’acqua alla gola. Se non ci fosse la sede di Confesercenti, qualche studio professionale e un forno lì intorno, sarebbe la periferia della periferia.

Secondo i progetti di chi l’ha realizzata, doveva diventare il cuore pulsante dell’intero quartiere Commenda. D’altronde erano gli anni Ottanta, quando la zona stava crescendo rapidamente. Piazza Cepol era il centro di aggregazione di questa area.

Invece, oltre trent’anni dopo, quella tra via della Costituzione e la chiesa della Commenda è una piazza fantasma. Le vetrine sono tutte vuote: in alcune si leggono ancora le insegne di attività chiusa da tempo. In altre sono appese cartelli “Vendesi” o “Affittasi”. Cartelli senza troppa speranza. Solo due attività sono riuscite a resistere in piazza Cepol: un panificio e una parrucchiera.

Col tempo la pavimentazione dell’area si è sbriciolata, e così ora la piazza è ricoperta di buche e calcinacci. E poi c’è la fontana, piena di immondizia e di acqua stagnante. Un vero e proprio monumento all’abbandono.

Un paio di anni fa le associazioni della città avevano provato a lavorare assieme per riqualificare la zona attraverso il progetto Farhe, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Ma gli sforzi dei volontari purtroppo, si sono dimostrati vani. Dopo poco tempo infatti, piazza Cepol è tornata più sporca di prima.

Ma non c’è fretta, siamo a Rovigo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl