you reporter

La segnalazione

“Il porticciolo è abbandonato”

La denuncia dell’ex presidente Giro: “Sbattuta fuori, mi hanno trattato come una terrorista”

19/12/2018 - 21:30

“Mi hanno sbattuto fuori nel 2013, con un tale dispiegamento di forze dell’ordine, mi hanno trattato come una terrorista”. Usa toni forti Stefania Giro, ex presidente del circolo nautico Porta Mare, per portare nuovamente alla ribalta la querelle porticciolo all’Interporto.

La donna torna alla carica: “Il porticciolo da cinque anni versa in uno stato di totale abbandono - attacca - io sono stata l’unica a gestire seriamente quel sito di Rovigo. L’ho reso fruibile al pubblico, l’ho fatto funzionare a dovere, come la Ue aveva deciso. Sapete bene com'è andata a finire, sono stata sbattuta fuori e mi sono trovata letteralmente con il c..o per terra. Giustizia non è stata fatta, ancora aspetto spiegazioni” lamenta la signora.

Giro ha avuto l’assegnazione nel dicembre 2011 e fino a marzo 2013 ha proposto diverse iniziative: “Sotto la mia gestione, in quindici mesi, il porticciolo è stato parecchio frequentato e ha accolto manifestazioni sportive di livello, come il Meeting internazionale di canoe e ospiti importanti quali la campionessa paralimpica Bebe Vio, che ha assistito alle gare svolte qui a Rovigo”.

La vecchia proprietaria ricorda cosa l’ha spinta a tuffarsi in quella avventura professionale: “Ho gestito per 33 anni un negozio di nautica nella strada tra Rovigo e Villadose, ho pensato di avere l’esperienza necessaria per prendere in mano il porticciolo. Ho fondato un circolo nautico arrivato a contare 130 soci, le persone pagavano un euro al giorno per il posteggio delle barche - prosegue Stefania Giro - l’idea era di evitare ai proprietari di spostarsi fino a Porto Levante o Albarella, di rimanere qui in inverno, venire magari la domenica mattina e sfruttare l’officina, con mio marito a occuparsi della manutenzione”.

Dal quel “maledetto” 14 marzo 2013, la vita di Giro è profondamente cambiata: “Non ho più trovato un’occupazione stabile, per alcuni anni abbiamo vissuto sulle spalle dei miei suoceri. Mi sono dovuta accontentare di lavoretti saltuari, fare compagnia agli anziani, oppure occuparmi delle polizie e accettare contratti a progetto. A 53 anni non è facile ricominciare, purtroppo la crisi ha colpito tante persone” dichiara.

Stefania Giro elenca alcune cifre: “Per la riqualificazione completa del porticciolo sono stati spesi complessivamente 1 milione 750mila euro, tra soldi finanziati dalla Comunità europea, Regione Veneto e una piccola parte dall’amministrazione comunale di Rovigo”.

A proposito, l’ex proprietaria del Porta Mare coglie l’occasione per ribadire che “io al comune non ho mai fatto spendere nemmeno un centesimo per la manutenzione. E dentro mancavano un sacco di cose, non c’erano nemmeno la gru e lo scivolo per portare giù le barche” conclude Stefania Giro, con una punta d’amarezza.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl