you reporter

Polizia

Chili di marijuana per le festività

Il dirigente della volante: “La sostanza era destinata al mercato dei più giovani a Rovigo”. Obbligo di firma e dimora per il 31enne arrestato a Natale per spaccio di droga.

Chili di marijuana per le festività

La droga sequestrata

27/12/2018 - 17:17

Sono partite le indagini, da parte della squadra mobile di Rovigo, per cercare di risalire alla rete di approvvigionamento della droga, dopo l’arresto di un 31enne per spaccio, eseguito dalla squadra volante della polizia di Rovigo il giorno di Natale.

“Riteniamo che il mercato cui era destinata la droga fosse quello di Rovigo, in particolare i più giovani - ha detto il dirigente della squadra volante, Matteo Berna Nasca - vogliamo sradicare l’attività di spaccio, colpire tutta la rete di distribuzione. Questo stupefacente era pronto per essere distribuito in occasione delle festività. Siamo fieri del risultato che abbiamo ottenuto”.

Il valore che la droga potrebbe avere sul mercato, al momento della vendita al dettaglio, si aggirerebbe sulle decine di migliaia di euro. I fatti si riferiscono al giorno di Natale. Infatti, nel pomeriggio del 25 dicembre la squadra volante della polizia era intervenuta in un appartamento in centro a Rovigo dopo che l’ex fidanzata di un uomo, lì domiciliato, aveva segnalato la possibilità di un tentativo di suicidio da parte di questo.

Arrivati sul posto, gli agenti della volante, insieme ad una squadra dei vigili del fuoco, dopo aver forzato una porta finestra erano entrati nell’appartamento, dove trovavano una stanza chiusa a chiave. Dopo esservi entrati, gli operatori trovavano il ragazzo in perfetta salute. Ma, una volta all’interno, dato il forte odore di marijuana che si sentiva, gli uomini della volante decidevano di procedere alla perquisizione, la quale permetteva di rinvenire, suddivisa in numerosi involucri, oltre cinque chilogrammi di sostanza. Quindi, sono seguiti gli accertamenti della polizia scientifica, dai quali risultava essere marijuana ad alto contenuto di principio attivo. Oltre alla sostanza si rinvenivano un grinder, sacchetti di plastica e del cellophane per impacchettare.

Per questo motivo il giovane veniva tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Quindi, su disposizione del pubblico ministero di turno, veniva condotto in carcere a Rovigo in attesa della direttissima che è stata celebrata ieri.

Dopo la direttissima, l’arresto è stato convalidato e il giudice ha disposto come misura cautelare, per il 31enne, l’obbligo di firma giornaliero e l’obbligo di dimora a Rovigo. L’udienza è stata aggiornata al 15 gennaio. Il 31enne è assistito dall’avvocato Laura Raimondi.

La sostanza stupefacente e il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl