you reporter

L’ALLARME

“Polesani in difficoltà e drammi della solitudine”

Il parroco di Borsea: “Tra le persone che aiutiamo ci sono diversi italianiabbiamo organizzato un Capodanno solidale, è importante anche ascoltare”

“Polesani in difficoltà e drammi della solitudine”

03/01/2019 - 20:00

di Alessandro Garbo

Pensioni irrisorie e anziani che faticano ad arrivare alla fine del mese, persone che hanno perso il lavoro e la speranza nel futuro. Ci sono diversi episodi di disagio sociale anche a Rovigo.

La parrocchia di Borsea ospita uomini e donne in forti difficoltà economiche. Una decina in tutto, la maggior parte sono italiani, ma ci sono tre-quattro stranieri. Don Silvio Baccaro rivela un dato che spinge a una riflessione: “Nel 2018 ho celebrato quattro funerali di persone morte di solitudine. Purtroppo in due di questi casi ce ne siamo accorti troppo tardi, si rischia di morire da soli e voglio lanciare un messaggio: bisogna dare più tempo alle persone che hanno bisogno, anche un’ora di ascolto è fondamentale”.

Il parroco aggiunge: “Non esiste solamente la povertà materiale, ma anche quella spirituale e morale. Oltre al centro d’ascolto, comunque, proponiamo anche delle azioni concrete”.

La parrocchia, per la notte di San Silvestro, ad esempio, ha aperto le porte a un Capodanno solidale: “Abbiamo trascorso il 31 dicembre con una quindicina di persone in difficoltà, anche a Grignano vivono sette-otto persone nella Comunità incontro”.

Un sorriso, una parola di conforto, per ridare la luce a chi l’ha persa. A volte, basta poco. Don Silvio si è impegnato in prima persona in questi anni: “Grazie alle borse lavoro e ad altri progetti avviati con l’esterno, in questi anni diverse persone hanno avuto l’opportunità di trovare un piccolo impiego”.

Il parroco di Borsea esorta: “E’ importante sensibilizzare la gente, accogliere le persone, avere un dialogo. Oltre ai soldi e alla raccolta pro Telethon, ad esempio, stare un’ora con un ragazzo disabile impegna molto di più. Voglio lanciare un messaggio di solidarietà e di speranza, come ha ribadito il nostro vescovo Pier Antonio quando parla di fraternità”.

Le parrocchie di Rovigo effettuano anche raccolte alimentari. Nel capoluogo di provincia, poi, sono presenti associazioni particolarmente attive nel mondo del volontariato, è il caso della fondazione San Vincenzo.

La Caritas diocesana non ha a disposizione gli ultimi dati aggiornati sul fenomeno della povertà in Polesine. E’ sempre attiva come centro ascolto, servizio docce e scuola di alfabetizzazione. Moltissime le persone, sia italiane che straniere, che si rivolgono per avere un sostegno. Perché la crisi colpisce tutti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl