you reporter

Polizia di stato

La nuova questura casca già a pezzi

I battiscopa sulla scalinata si sono staccati, il mosaico è sbiadito. E umidità in qualche ufficio e le scale interne si sbriciolano.

La nuova questura casca già a pezzi

08/01/2019 - 09:20

Qualche occhio particolarmente attento lo aveva detto già all’inaugurazione, un anno e mezzo fa, il 21 luglio del 2017, con Franco Gabrielli capo della polizia di stato e Luca Zaia, governatore della Regione Veneto: la nuova questura mostrava qualche pecca.

Ma nessuno avrebbe mai immaginato un decadimento così precoce, che è palese per chi ci lavora e per il pubblico che continuamente entra nel comando provinciale di viale Tre Martiri.

A partire dalla scalinata: i battiscopa sembrano appiccicati alla meno peggio, visto che si sono già staccati dal muro e anche l’intonaco che forma una greca color fucsia non regge. Inoltre l’invito “attenti al ghiaccio”, in varie lingue, vista l’utenza multietnica, pone l’attenzione sul sistema antisdrucciolo che esiste sugli scalini, ma evidentemente non funziona nel caso in cui il freddo picchia.

L’imponente struttura bianca che si staglia su piazza d’Armi, mostra insomma le prime falle e già all’ingresso. Il maestoso mosaico che rappresenta l’icona della polizia di stato è già stato rovinato dalle intemperie. La scritta “Sub lege libertas”, non si legge più e la cornice di metallo è arrugginita si è staccata da terra.

Il marmo “botticino” che invece ricopre i gradini delle scale interne si sbriciola e spesso è danneggiato. Evidentemente qualcosa non ha funzionato nel capitolato o sulla corrispondenza dei lavori e dei materiali al capitolato.

Per non parlare, infine, di alcuni uffici, come quelli dell’immigrazione, che già mostrano le prime infiltrazioni e un’umidità insalubre oltre che brutta da vedere, per chi ci vive ogni giorno.

Il servizio completo oggi 8 gennaio sulla Voce di Rovigo

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl