you reporter

Sanità

Polesine West Nile free: investimenti vincenti

Lo scorso anno sono stati 45 i casi di West Nile riscontrati in Polesine, un'epidemia che ha seriamente scosso Comuni e Ulss 5. Quest'anno zero casi. "Frutto di un duro lavoro di coordinamento", ha spiegato il direttore generale Antonio Compostella

West Nile, è allarme: un contagio a Rovigo e uno ad Adria

Con zero casi di West Nile, rispetto ai 45 dello scorso anno (38 nel periodo di riferimento) di cui cinque morti, l'Ulss 5 canta vittoria sulla lotta alle zanzare messa in atto in un anno. E che potrebbe essere un modello per le Ulss regionali, ha fatto sapere il direttore generale Antonio Compostella.

"L'anno scorso era un bollettino di guerra - ha dichiarato il responsabile del dipartimento di Igiene e sanità Giovanna Casale - quest'anno abbiamo ottenuto un risultato incredibile, frutto di un lavoro di sinergia tra comuni, di centralizzazione e di controllo di tutto il territorio". 

L'intuito dell'Ulss 5 è stato centralizzare l'appalto per la disinfestazione, affidato a due aziende per 300mila euro. Che saranno rimborsati dai vari comuni, con un 20% di contributo regionale. Le ditte incaricate hanno effettuato 5 cicli di trattamento delle caditoie, in media circa 74mla caditoie trattate a ogni ciclo, e 11 cicli di intervento nei fossati e in altri ristagni. 

Senza contare l'azione di informazione con opuscoli e locandine a tutta la popolazione tramite le farmacie, i medici di base e i pediatri. Zero West Nile è il risultato per il 2019. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese
speciali: Turatti Group

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl