you reporter

Meteo

Po e Adige continuano a crescere, allagate le prime golene

Aipo assicura: situazione sotto controllo e nessun allarme. Particolare attenzione alla zona di Scardovari rimasta senza "protezioni"

Le golene che iniziano ad allagarsi sono un segnale che il Po continua a crescere.

Per il momento è una piena che non preoccupa ce che viene tenuta sotto controllo dai tecnici di Aipo, ma molto dipenderà sia dal mare (e dalla sua capacità di ricevere l'acqua del grande fiume) che dalla velocità con la quale si scioglierà la grande quantità di neve accumulato in questi giorni sulle Alpi.

E un discorso in tutto e per tutto analogo vale per l'Adige, monitorato da Arpav.

"L' incremento dei livelli del Po - scrive Aipo - non ha finora determinato il superamento delle soglie di criticità, se non nella parte terminale del fiume, dove i valori sono prossimi alla soglia 1 di criticità (gialla) a partire da Pontelagoscuro. Si prevede nelle prossime ore il superamento della stessa soglia 1 nelle sezioni del delta, a causa del persistere di livelli di marea sostenuti. Nei rami deltizi saranno tuttavia possibili temporanei superamenti della soglia 2 di criticità (arancione). 

Dopo le violente mareggiate dei giorni scorsi, in particolare alla Sacca di Scardovari, Aipo sta predisponendo interventi di risistemazione delle opere di difesa danneggiate. La situazione del Po è costantemente monitorata dal personale Aipo in stretto coordinamento col sistema di protezione civile locale e regionale".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su La Voce di Rovigo

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: Teatro Sociale di Rovigo
speciali: Camera di Commercio e Cna: un mondo di opportunità per le imprese

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl