you reporter

PORTO TOLLE

“Pescatori senza lavoro per colpa della Provincia, una vergogna”

Amministratori locali sul piede di guerra: "40 pescatori non possono lavorare perché la provincia non rilascia le licenze, e Dall'Ara prenderà 4mila 500 euro al mese"

“Pescatori senza lavoro per colpa della Provincia, una vergogna”

L’ennesimo stop all’attività di raccolta delle vongole di tanti pescatori della Sacca di Scardovari, con il blocco delle graduatorie voluto dalla provincia, che ha pagato profumatamente un avvocato di Mestre per opporsi al ricorso del Consorzio dei pescatori del Polesine, è una “vergogna” per gli amministratori della zona e per i diretti interessati. Ma è anche un “problema sociale”, come rileva l’assessore delegato alla Pesca di Porto Tolle Tania Bertaggia, che è anche legale del Consorzio insieme allo studio di Giampietro Berti. “Ci sono aspetti economico e sociali da non sottovalutare in questa vicenda - sottolinea Bertaggia - Si sperava con la delibera provinciale che prorogava di 15 anni la concessione i problemi fossero risolti e invece la provincia ha bloccato le graduatorie perché la concessione è in regime di proroga”.

E quello che entra dalla porta, esce dalla finestra. Un giochino che per 40 pescatori, destinati ad aumentare, a cui la licenza è scaduta vale lavoro, dignità e sopravvivenza.

“Molti pescatori chiedono la titolarità per andare a lavorare. E’ una situazione che lascia basiti e sconcertati e che denota un accanimento nei confronti dei pescatori che, ripeto, chiedono di andare a lavorare. Ora si scopre che la provincia ritiene talmente importante questa vicenda che addirittura nomina un avvocato esterno, pur avendo un ufficio legale interno, lo paga profumatamente. Confidiamo che questa vicenda si concluda presto”. La graduatoria, tra l’altro, ha una valenza sociale, perché consente il ricambio generazionale, si adegua sulla base dell’Isee e della composizione familiare. E’ un sistema perequativo, bloccato per un diniego, l’ennesimo. Che sa tanto di cieca vendetta.

Cerca di mantenere la calma il sindaco Roberto Pizzoli: “Abbiamo più volte tentato di ragionare con l’amministrazione provinciale e trovare una soluzione. Ma abbiamo visto che non c’erano margini di manovra. Per questo il consorzio si è appellato al Tar. Ora 40 persone transitano anche nel mio ufficio disperate. E’ una questione sociale. Secondo i legali del consorzio poi le licenze si possono rilasciare tranquillamente. Diventa una questione che si rincorre e io credo che l’occupazione in questo periodo vada difesa non ostacolata. Un ente come la provincia che ha talmente poche competenze si permette anche di affidarsi a un legale esterno. Operazione criticabile”.

E’ furente, invece, Luigino Marchesini presidente del Consorzio delle cooperative pescatori del Polesine: “Lo trovo scandaloso da parte del presidente Ivan Dall’Ara e della dirigente aver risposto a una mia lettera che chiedeva - visto il lockdown - uno sconto sul canone di 250mila euro con un diniego e aver poi siglato un accordo con un avvocato di Mestre per il ricorso al Tar, con gli avvocati che hanno internamente. Mi avevano risposto che per problemi di bilancio non erano in grado di venirci incontro. Da cittadino di Rovigo mi sento preso in giro. Sono amareggiato e deluso, e spero che qualcuno capisca che la provincia in questo modo sta creando disoccupazione. Consideri che l’80% dei nostri pescatori va a vongole, senza permesso non possono”.

Non usa mezzi termini e parla di “vergogna e indecenza”, il consigliere provinciale e assessore allo Sviluppo Economico di Porto Viro Valeria Mantovan: “Ancora una volta la provincia dimostra di lavorare contro il territorio e contro il lavoro già fortemente compromesso dagli eventi calamitosi prima e dal Covid poi. E il mio senso di disgusto cresce sapendo che il presidente tornerà a percepire, per disposizione nazionale, un’indennità di 4.500 euro circa al mese senza volersi prendere nessuna responsabilità e nessun pensiero, una vera e propria indecenza”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Ci sono 4 nuovi contagiati
CORONAVIRUS IN VENETO

Ci sono 4 nuovi contagiati

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl