you reporter

LA PUBBLICAZIONE

Polesine, antico crocevia d’Europa nel nuovo saggio di Crivellari

Saggio sulla presenza ad Adria di Filisto, uomo politico ammirato da Alessandro Magno

Polesine, antico crocevia d’Europa nel nuovo saggio di Crivellari

27/02/2021 - 19:17

Adria al centro della cartina geografica del mondo antico. Non certo una novità: ma ora Diego Crivellari, vicepresidente dell’Accademia dei Concordi, ex parlamentare e fresco numero uno del Cur di Rovigo, scopre un altro tassello di una storia davvero magica. Ad Adria e nel Delta soggiornò, non è chiaro se in esilio o nell’ambito di un incarico di governo della città, un importante uomo politico e storico di Siracusa, Filisto. Un uomo apprezzatissimo nella sua epoca: Alessandro Magno, nella conquista dell’Asia, si portò dietro i suoi libri; Cicerone lo elesse a punto di riferimento e pure Platone, arrivato alla corte di Siracusa, volle incontrarlo.

La presenza di Filisto nel Polesine è ripercorsa nel saggio, appena uscito e già disponibile in libreria,

“Mistero adriatico. Il viaggio di Filisto e le radici greche dell’antico delta padano”, scritto proprio da Diego Crivellari e pubblicato da Apogeo editore di Adria.

“Un piccolo saggio, divulgativo ma ricco di riferimenti bibliografici - ripercorre Crivellari - che parla della nostra storia antica e prende spunto dalla possibile presenza a Adria e nel Delta del Po di un importante uomo politico dell’epoca. Una divagazione, una digressione, spero di piacevole lettura, con qualche annotazione sulla nostra storia adriatica e mediterranea, sul Po come crocevia di popoli e culture, nonché sul rapporto tra intellettuali e politica”.

“Adria, non lo scopriamo certo ora - continua Crivellari - era centrale, nel mondo antico. E con essa il Polesine è stato un crocevia di popoli, culture ed etnie. La storia adriatica è parte di una storia mediterranea che è a sua volta una storia europea”.

Il saggio è arricchito da una prefazione del presidente dell’Accademia dei Concordi Giovanni Boniolo e da un postfazione di Alberta Facchi, direttrice del Museo archeologico nazionale di Adria, che getta un ponte tra storia e archeologia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl