you reporter

PALAZZO NODARI

"Questo bilancio manca di coraggio. Bisogna diminuire la sosta in centro"

Moretto: “Rivoluzione parcheggi per attirare gente in centro”. Menon: “Su Irpef si poteva fare di più”

"Questo bilancio manca di coraggio. Bisogna diminuire la sosta in centro"

28/02/2021 - 13:32

Le pulci al bilancio di previsione per il 2021 della giunta Gaffeo non sono mancate, nell’analisi fatta venerdì pomeriggio in consiglio comunale e nemmeno le critiche feroci. Per l’opposizione questo bilancio “manca di coraggio” e anche le “buone notizie”, come lo sgravio Irpef per i cittadini meno abbienti (con reddito fino a 10mila euro), potevano essere più buone, per un numero maggiore di cittadini.

Una delle voci che, almeno a parere di Mattia Moretto, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, poteva essere ritoccata era sicuramente quella relativa ai parcheggi. “La delibera che tratta le tariffe individuali è la chiara manifestazione di come l’amministrazione si sia, ancora una volta, mostrata assolutamente non coraggiosa facendo un classico copia/incolla delle delibere degli anni passati - sottolinea Moretto - Pensare di mantenere il costo dei parcheggi in città ad un costo orario pari a 1,20/1,30 ritengo sia una follia. Se davvero vogliamo bene alla nostra città dobbiamo invogliare la gente a venire in centro. E per favore, non illudiamoci di quelle settimane che ci avvicinano alle feste, nelle quali il centro pullula di persone. Bisogna rivedere il sistema di sosta. Abbassare le tariffe orarie, rivedere la proporzione tra parcheggi a pagamento e ‘bianchi’ e la loro locazione e introduzione del sabato gratuito con tariffe forfettarie per chi deve rimanere per diverse ore al giorno in città. Questi che possono sembrare ad un occhio distratto minori introiti, sono investimenti che facciamo sulla città e per la città. Siete qui, esattamente come buona parte dei vostri predecessori, a fare la politica della musina o per compiere scelte coraggiose per far crescere la nostra città’”.

Critiche anche alla scelta di aumentare la soglia degli esenti da Irpef, innalzata ai redditi fino a 10mila euro (prima erano esenti i residenti che avessero un reddito pari a 8.600 euro). L’addizionale è rimasta allo 0,80%.

“Questa manovra - è il commento di Silvia Menon, della lista Menon - cuba 60mila euro, mentre lo sconto per il mancato pagamento del canone delle piscine è di 300mila euro all’anno. Contando che per la manutenzione delle piscine saranno necessari 155mila euro, ci auguriamo che in futuro ci siano una serie di manovre per ridurre ulteriormente l’addizionale comunale in città. Da tempo i cittadini di Rovigo la attendono”.

Torna sul coraggio Moretto: “Perchè non dimostrare più coraggio e volontà di andare incontro ai nostri concittadini andando ad innalzare ulteriormente la soglia degli esentati? Avremmo dato un aiuto a chi più in difficoltà e aumentato la platea di beneficiari, il tutto con poche decine di migliaia di euro in più, quindi non cifre astronomiche”.

L’Assessore al bilancio Pavanello ha auspicato che detta misura possa essere resa strutturale e rimanere duratura negli anni. Replica Moretto: “Ritengo che un Comune in virtù della sua capacità finanziaria, debba fare molto di più e che occorre lavorare per cercare, a partire già dal prossimo anno, di innalzare la soglia di esenzione almeno a 15 mila euro”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl