you reporter

DEGRADO

“Fototrappole in Transpolesana contro i vandali delle piazzole”

L’associazione ambientalista denuncia l’abbandono dei rifiuti a bordo strada

“Fototrappole in Transpolesana contro i vandali delle piazzole”

13/04/2021 - 10:18

La sezione rodigina dell’associazione ambientalista Italia Nostra denuncia “lo stato di abbandono di rifiuti di ogni genere in Traspolesana”, nel tratto polesano. Chiamati direttamente in causa, i Comuni che hanno piazzole di sosta: Arquà, Badia, Canda, Castelguglielmo, Fratta, San Bellino e Giacciano con Baruchella. “I rifiuti - scrive il presidente di Italia Nostra Fabio Bellettato - vengono abbandonati soprattutto nelle piazzole di sosta, ma anche a ridosso delle entrate e delle uscite delle strade e dei cavalcavia in comunicazione con la Traspolesana. La quantità di rifiuti e lo stato di degrado dell’ambiente circostante a queste piccole discariche è un fenomeno di enorme gravità”.

I Comuni - ricordano dall’associazione - “si sono impegnati a sottoscrivere una convenzione con Anas che regola i rapporti economici, nell’attività di pulizia lungo i tratti della Ss434 compresi tra il chilometro 54 e il chilometro 82 in entrambe le direzioni di marcia. I Comuni dovranno coinvolgere Ecoambiente che farà la pulizia delle zone interessate almeno una volta al mese”. La Transpolesana è di proprietà dell’Anas, “ma le piazzole - dice ancora Bellettato - vengono usate da tutti e visto la tipologia di rifiuti abbandonati si pensa che molto spesso a scaricare, oltre ai cittadini siano anche piccoli imprenditori o titolari di partita Iva, che svolgendo attività molto spesso non in regola, riversano i rifiuti in questi luoghi. Luoghi di grande traffico dove è più facile mimetizzarsi o confondersi in mezzo a tanti”.

Entrando più specificatamente nel merito, Italia Nostra di Rovigo oltre a sollecitare i Comuni coinvolti nella convenzione, chiede con carattere di urgenza in particolare al sindaco di Giacciano con Baruchella che è il Comune capofila, l’attuazione in tempi brevi della convenzione e della successiva pulizia dei luoghi interessati. Italia Nostra chiede inoltre - al fine di interrompere l’abbandono di questi rifiuti il cui costo si riversa sui Comuni e quindi su tutti i cittadini - che i Comuni stessi si adoperino velocemente “a tabellare e a insidiare una adatta videosorveglianza. Meglio ancora sarebbe collocare apparecchiature a fototrappola con un parallelo servizio di sorveglianza da parte delle rispettive polizie municipali, in modo tale che chi continua ad abbandonare rifiuti possa essere dovutamente secondo le leggi vigenti multati con sanzioni amministrative e anche penali”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl