you reporter

POLITICA

Tribunale, “Zanellato, muoviti”

La guida provinciale dei dem invoca unità e dialogo: “Per la ex Silvestri i giochi non sono fatti”

Tribunale, “Zanellato, muoviti”

13/04/2021 - 09:46

Le punzecchiature dall’opposizione non mancano e sono sempre più insistenti. Sul tribunale la maggioranza non appare unita e la minoranza ne approfitta per fare della spaccatura un varco. Anche perché - sottolinea il consigliere della lista Gambardella Sindaco Antonio Rossini - non c’è più tempo da perdere. Angelo Zanellato, segretario provinciale del Pd, chiede al sindaco di (ri)bussare alle porte di Roma, e invoca l’unità della maggioranza. A suo parere c’è ancora tempo “per trovare vie altenative a quelle segnate (ovvero ex Banca d’Italia più palazzo della Provincia oppure ex questura più ex caserma dei vigili del fuoco ndr) e (ri)spunta la caserma Silvestri o parte di essa. “Sull’ex caserma Silvestri - dichiara - non c’è ancora un appalto o un progetto e quindi i giochi non sono fatti, si può ridiscutere tutto”. Quello che invoca il Pd è un dialogo aperto: “Potremmo unire le forze e le conoscenze”.

Antonio Rossini lo continua a punzecchiare: “Caro segretario del Pd Angelo Zanellato sto aspettando che coerentemente a quanto sostieni e auspichi pubblicamente circa ‘il coinvolgimento delle forze politiche’ sul tema Tribunale che tu decida di far presentare una mozione sulla collocazione degli Uffici giudiziari presso il sito dell’ex Questura, aggiungo, avvalendosi se necessario anche dell’adiacente spazio dell’ex Caserma Vigili del Fuoco, ciò al fine di essere coerente con ‘l’impegno politico’ di mantenere il Tribunale all’interno del centro storico, soluzione da te tanto decantata a gran voce”.

Rossini chiede coerenza, “con quanto si dice in favore ai commercianti e all’ordine degli avvocati che vorrebbero tale opzione anziché quella della Banca d’Italia/edificio Provincia, significherebbe passare dagli intenti ai fatti, l’unica cosa che conta e che si aspettano i cittadini”. In questo caso, la maggioranza si ritroverebbe con un voto in più, quello di Rossini: “Sono disponibile ad appoggiare la mozione e qualsivoglia iniziativa per fare esprimere la volontà politica ai consiglieri comunali su la proposta da Te sostenuta che é la stessa che da molto tempo la stra grande maggioranza dell’opposizione sostiene come valida per il bene della città”. Ultima fastidiosa “puntura” da parte di Rossini: “Zanellato non dare adito alle insistenti voci che la tua opinione non è nemmeno unitariamente condivisa all’interno del Pd, e che una mozione non troverebbe il voto favorevole di tutti gli undici consiglieri del Pd che tu dovresti rappresentare”. Dietro questo silenzio “dissenso” da parte del Pd, tra l’altro viene male interpretato dall’esponente dell’opposizione. “La mancanza di ogni fattiva iniziativa politica all’interno del consiglio comunale potrebbe far pensare che quanto Zanellato sostiene sia solo un pretesto per ottenere dal sindaco altri incarichi politici al Partito democratico. Per tutto questo, Zanellato, dovresti passare dalle parole ai fatti, trattandosi il solo modo in politica per essere credibili”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl