you reporter

IL LUTTO

Addio al cavaliere Daddato

Gli artiglieri di Rovigo piangono la scomparsa dell’aiutante dell'Esercito Domenico Daddato

Addio al cavaliere Daddato

17/04/2021 - 18:28

Gli artiglieri di Rovigo piangono la scomparsa dell’aiutante e cavaliere Domenico Daddato, mancato venerdì all’ospedale San Luca di Trecenta, dove era ricoverato perché positivo al Covid. Domenico Daddato era originario di Corato, cittadina barese ove era nato nel dicembre del 1944. Intrapresa la carriera di sottufficiale dell’esercito, nel 1967 era giunto a Rovigo con il grado di sergente maggiore ed era stato tra i primi militari a riaprire la caserma Silvestri per ospitare il secondo gruppo del quinto reggimento artiglieria controaerei, reparto che poi è rimasto nella caserma rodigina fino alla chiusura, nel 2014.

Franco e deciso nel suo agire, Daddato aveva un carattere gioviale ed era sempre pronto alla battuta, salace ed appropriata, con la quale sapeva rallegrare le occasioni di incontro tra i colleghi d’arme; aveva svolto l’incarico di responsabile dei collegamenti radio-telefonici interni alla caserma ed era stato per decenni istruttore di scuola guida guadagnandosi la stima di tanti militari che hanno svolto il servizio di leva nella nostra città. Lasciato il servizio attivo nel 1995, Daddato era stato nominato cavaliere ed era entrato a far parte dell’Associazione artiglieri d’Italia-Sezione di Rovigo, contribuendo con il suo impegno alla riorganizzazione ed allo sviluppo del sodalizio sino a diventarne presidente dal 2013 al 2017. Lascia la moglie Maria Croce e i figli Piero - graduato della guardia di finanza ad Occhiobello - Nicola ed Enrico, e quattro nipoti. I funerali si svolgeranno martedì, alle 16, nella chiesa della Madonna Pellegrina.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl