you reporter

TEATRO SOCIALE ROVIGO

Amanda Sandrelli sarà Lisistrata

Un moderno meccanismo teatrale tra miti antichi, debolezze e vizi umani senza tempo

Amanda Sandrelli sarà Lisistrata

12/01/2022 - 10:19

Amanda Sandrelli venerdì prossimo al teatro Sociale di Rovigo. La stagione di prosa del teatro Sociale prosegue venerdì 14 gennaio, alle 21, con Lisistrata, lo spettacolo che vede protagonista Amanda Sandrelli. La Stagione è realizzata in collaborazione con Arteven.

Nello spettacolo, per la regia di Ugo Chiti, oltre ad Amanda sandrelli, ci sono Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Gabriele Giaffreda, Elisa Proietti e con Luciana De Falco, nel ruolo di Spartana.

Lisistrata imperversa da quasi 2.500 anni sulla stupidità, l’arroganza, la vanità la superficialità degli uomini. Lisistrata ci guarda dal lontano 411 a.c., anno del suo debutto nel teatro di Dionisio ai piedi dell'acropoli di Atene e scuote la testa sconsolata di fronte alle tragedie, alle miserie, ai disastri provocati dal quella stupidità, arroganza, vanità, superficialità, che sono tutti sostantivi femminili, come la guerra che da questi viene immancabilmente generata, ma che sono immancabilmente attributi maschili.

Lo fa attraverso un meccanismo teatrale modernissimo, una specie di farsa dove molto si ride, ma che in maniera paradossale e insieme umanissima ci fa scoprire senza falso pudore, tra sghignazzi e continui doppi sensi saporosissimi i meccanismi perversi dell'irragionevolezza umana.

Lo fa additando senza ipocrisia, con un linguaggio diretto e divertentissimo, i vizi, le perversioni, il malcostume, la corruzione, le debolezze che ci portano da millenni a ritenere la violenza l'unico mezzo per risolvere i conflitti, per appianare le liti.

Lo fa mettendo bene in chiaro che questo meccanismo opera sempre e a qualsiasi livello; che sia quello politico e territoriale, sia su ogni altro ambito della vita degli esseri umani, con l'unica conseguenza della sottomissione del più debole. Debole ovviamente, solo in termini di forza fisica, di risorse materiali da mettere in campo, e non certo di intelligenza, di cultura, di sensibilità.

Dopo l’appuntamento con Amanda Sandrelli la stagione di prosa proseguirà il 25 gennaio con lo spettacolo di Ale e Franz “Comincium” con la regia di Alberto Ferrari. Quindi il 9 febbraio ci sarà Ettore Bassi con “L'attimo fuggente”, di Tom Schulman e regia di Marco Iacomelli. Il 24 febbraio la Compagnia Zappalà danza presenterà “Rifare Bach” (la naturale bellezza del creato) con coreografia e regia di Roberto Zappalà. Il 17 marzo Mariangela D'Abbraccio, Daniele Pecci protagonisti in “Un tram che si chiama desiderio” di Tennesse Williams, regia e scena di Pier Luigi Pizzi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl