you reporter

I sette giorni neri del Delta Rovigo

Calcio Serie D

75995

03/04/2017 - 20:34

La sfuriata in sala stampa di mister Parlato è stata la sintesi perfetta di questo pareggio contro il San Donato Tavarnelle. Un 2-2 che non doveva esistere alla vigilia per il Delta Rovigo, contava solamente la vittoria ed i ragazzi dell'allenatore partenopeo hanno purtroppo lasciato andare una possibilità di avvicinamento alla vetta.


Nonostante lo scudo che Parlato ha messo davanti ai suoi giocatori, l'allenatore ha comunque messo alla luce i problemi caratteriali della sua rosa.


Se la sconfitta contro la Correggese ed il pareggio di mercoledì scorso contro la Rignanese in fin dei conti potevano anche starci, due partite in tre giorni dopo tre settimane di inattività a marzo sono fisicamente e mentalmente una mazzata, la caduta di domenica è stata per molti considerata figlia di errori individuali che hanno poco a che fare con le logiche tattiche del timoniere rodigino.


L'ormai celebre “Mi sono rotto i c.....!" è uno sfogo chiaro di come un allenatore, dopo aver preparato e curato ogni singolo dettaglio della partita, veda sfumare tutto su due errori banali dei suoi giocatori.


Siamo tutti d'accordo che gli eventi fanno parte del gioco e che sta proprio a chi guarda l'evolversi del match sanare le cose, ci sta pure che le partenze in sordina siano un handicap da superare; però se Tarantino perde palla davanti alla porta e se Capogrosso liscia clamorosamente il pallone mettendo Regoli davanti al portiere, si può fare veramente poco.


Parlato lo ha detto chiaro e tondo “se vogliamo vincere il campionato dobbiamo cambiare atteggiamento”, pure qua non ci sono scuse o alibi che reggano.


Sulla "Voce" in edicola martedì 4 aprile l'articolo completo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl