you reporter

Rugby

Zambelli rieletto presidente

Scambio di accuse tra il patron e Azzi durante l’assemblea dei soci.

Zambelli rieletto presidente

04/12/2018 - 23:14

Fuoco e fiamme all’assemblea dei soci della Rugby Rovigo. Come tutti si aspettavano, Francesco Zambelli è stato rieletto presidente della società. Ma prima di arrivare a questa conclusione, la riunione convocata dal consigliere Federico Cogo dopo l’azzeramento del cda di tre settimane fa, è degenerata in un pesante scambio di accuse tra il presidente uscente Nicola Azzi e il patron rossoblù. Prima delle votazioni Azzi ha voluto prendere la parola per togliersi più di qualche sassolino dalla scarpa. L’attacco più pesante è stato rivolto al consigliere Zanella, l’unico rimasto in carica dopo le dimissioni di massa, reo, secondo l’ex presidente, di non aver ottemperato i suoi obblighi lasciando la società allo sbando. “Se verrà rieletto - tuona Azzi - sarà mio impegno di socio rivolgermi alle sedi opportune perché l’incarico gli venga negato”.

Ma anche nei confronti del patron rossoblù il presidente uscente non si è risparmiato: “Mi sono trovato con lo sponsor principale che fa dipendere il suo contributo dall’esito di questioni amministrative - spiega - questo non è un modo accettabile per essere presidente”. Apriti cielo. Il discorso di Azzi ha mandato su tutte le furie Zambelli, che gli ha subito dato dell’irresponsabile e dell’incapace, rinfacciandogli di aver cacciato il coordinatore delle giovanili Raffaello Salvan e il ds Stefano Bettarello, oltre al modo in cui ha gestito la liquidazione del coach Joe McDonnell. E tirando fuori ancora una volta la questione che tre settimane fa ha fatto saltare per aria il cda: le trattative con Palazzo Nodari per l’utilizzo e per i lavori del Battaglini. “Nella conferenza stampa organizzata da Azzi Palazzo Nodari aveva detto che avrebbe pagato tutto - afferma - e poi ecco che è spuntata il nodo della pubblicità”.

Ma il nuovo presidente ha rimproverato ad Azzi anche problemi legati al bilancio della società: “Non sono mai stato inviato alle riunioni sul mercato estivo - rivela - Azzi ha fatto quello che ha creduto. E così siamo arrivati a giugno e abbiamo scoperto che con Casellato e McDonnell il presidente non ha fatto bene il suo lavoro. Durante la campagna acquisti ha risparmiato pochissimo. Gli ho detto; hai pensato a trovare degli sponsor? La sua irresponsabilità chi la paga?”.

Il presidente uscente ha provato ad abbozzare una difesa: “Se lo sponsor principale litiga con la federazione e con il comune e mette in forse il suo appoggio, è difficile trovarne altri”. Ma poi ha deciso di abbandonare la sala, lasciando che l’assemblea si svolgesse senza di lui.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl