you reporter

Legittima difesa, Zaia: "I delinquenti possono scegliere l'ora migliore"

Il disegno di legge

78651

04/05/2017 - 23:34

Bocciatura senza appello da parte del presidente della Regione Zaia alla disegno di legge sulla legittima difesa approvata poco fa alla Camera.



La nuova legge, che adesso dovrà essere votata dal Senato, considera la reazione, anche armata, di un persona aggredita, come legittima difesa nel caso in cui l'aggressione avvenga di notte e con "violenza sulle persone o sulle cose". Il secondo emendamento prevede inoltre l'esclusione dalla colpa per chi reagisce "in situazioni di pericolo attuale per la vita, per l'integrità fisica, per la libertà personale o sessuale".



Ma secondo Zaia quella appena approvata sarebbe una pessima legge, che permetterebbe la legittima difesa soltanto in certe fasce orarie. "Alla gente esasperata e impaurita hanno detto - commenta il governatore riferendosi alla maggioranza - 'di notte difenditi, ma di giorno lasciati rapinare'. Invece, o la legittima difesa è sempre o non lo è mai”.



“Mettendomi per la prima e ultima volta nei panni dell’aggressore – incalza il governatore – non potrei che gioire: scelgo io il momento migliore per delinquere con il minor rischio possibile”.



Un provvedimento poco efficace, dunque, secondo il presidente Zaia che contro la criminalità invoca "leggi dure, pene certe e scontate fino all'ultimo minuto, uomini e mezzi alle forze dell'ordine, legittima difesa senza se e senza ma, non con il cronometro in mano per decidere chi è l'aggressore e chi l'aggredito".



"Di fronte a leggi come queste - conclude Zaia - viene voglia di esagerare e di pensare a un’Autonomia che possa assegnare alle Regioni anche competenze di ordine pubblico”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl