you reporter

La protesta di Agna: questo è diventato il Distretto del profugo

L'interrogazione

Conetta Cona rivolta centro accoglienza ex base (3

L'ex base di Conetta, foto d'archivio

25/07/2017 - 13:00

Se oramai anche a Roma lo chiamano "Il distretto del profughi", qualcosa vorrà pur dire.



Bagnoli e Cona fanno insieme una delle due più grandi concentrazioni di profughi del nord Italia. E il caso è arrivato nuovamente in parlamento, questa volta per un'interrogazione di Fratelli d'Italia.



"Invece di ridurre le presenze assistiamo alla costruzione dell'undicesimo capannone della struttura che aumenterà la capienza e la disponibilità di posti letto. Contrariamente a quanto aveva annunciato il Governo nessun smantellamento è in atto e nessuna riduzione delle presenze", dichiara, a proposito di Conetta, Raffaele Zanon, dirigente Nazionale di Fratelli d’Italia-An.



"Conetta - continua - fa parte a pieno titolo di quello che il sindaco di Agna ha battezzato come il “Distretto del profugo”. Il centro di questo distretto produttivo per il business dell’accoglienza è Agna, un comune padovano di 3.400 abitanti. Ed è qui che i profughi si concentrano per la presenza dei pochi servizi esistenti. Agli estremi dell’area c’è l’ex base militare di Conetta che con i suoi 197 abitanti ospita quasi 1.500 richiedenti asilo. E poi c’è il centro di San Siro di Bagnoli di Sopra che con 415 abitanti ospita 870 migranti".



Come dire: più di 2mila migranti in due paesi che, messi assieme, non arrivano a 600 residenti.




"Sono i due centri di accoglienza più grandi di tutto il Veneto e Agna sta nel mezzo, assediata da oltre 2mila profughi in attesa di regolarizzazione. Agna vive da anni in questo “distretto” esplosivo dall’autunno 2015 convivendo con fenomeni mai visti ai quali i residenti non erano preparati".



Una situazione che il sindaco di Agna, Gianluca Piva, stigmatizza.
“Ringrazio di cuore tutti i parlamentari che ancora una volta portano i nostri problemi in Parlamento e ci mettono la faccia per noi! Stiamo vivendo una situazione assurda, con il nostro territorio enormemente in difficoltà, stretto com'è stretto tra i due hub regionali: Conetta e San Siro andrebbero chiusi subito”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl