you reporter

Il caso

Il prete con il vizio delle slot: sperperati 900mila euro raccolti anche fra i parrocchiani

Un nuovo caso in Veneto. Con la scusa di aiutare le famiglie in difficoltà si faceva prestare soldi da tutti, anche da pensionati ed anziani. Il vescovo lo ha trasferito

Il prete con il vizio delle slot: sperperati 900mila euro raccolti anche fra i parrocchiani

03/12/2018 - 22:55

Giocava d'azzardo con i soldi della parrocchia. Dopo il parroco di Spinea, don Flavio Gobbo, in Veneto è stato scoperto un altro sacerdote con il "vizietto del gioco".

Si chiama don Giuseppe Modena, ed è l'ex sacerdote di San Giovanni Battista nella periferia sud di Verona.  

Don Giuseppe ha fatto le cose in grande, sperperando alle slot la bellezza di 900mila euro, denaro che era stato raccolto con le offerte dei fedeli.

Con la scusa di "aiutare famiglie in difficoltà e di alcuni lavori urgenti da fare in parrocchia si faceva prestare soldi da tutti, anche dagli anziani e dai pensionati", ha raccontato il Tgr Veneto.

Dal 2014 allo scorso anno, don  Giuseppe aveva fatto molte richieste di soldi ai parrocchiani, tanto che il vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti, ha deciso di trasferirlo  ad un altro incarico, nella direzione del Centro Diocesano di Spiritualità intitolato a San Fidenzio per seguire un percorso di guarigione dalla dipendenza. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl