you reporter

Il caso

Bimbi no vax ammessi a scuola, 30 indagati

Dirigenti scolastici e legali rappresentanti di scuole private accusati di omissione di atti d'ufficio

Bimbi no vax ammessi a scuola, 30 indagati

23/01/2020 - 09:59

Sono trenta le persone che la Procura della Repubblica di Belluno ha indagato per omissione di atti d'ufficio: si tratta dei dirigenti di scuole pubbliche e legali rappresentanti di scuole private dell'infanzia della provincia di Belluno che, secondo l'accusa, non avrebbero allontanato gli alunni, di età compresa fra i tre ed i sei anni, non vaccinati e quindi carenti del requisito di accesso alla scuola. Lo scrive Il corriere delle Alpi.

Le indagini dei Nas di Treviso erano connesse alla verifica delle veridicità delle attestazioni presentate dai genitori dei minori, per l'assolvimento degli obblighi vaccinali.  I responsabili delle scuole avrebbero dovuto impedire l'accesso ai piccoli non vaccinati per ragioni di igiene e sanità. Un atto da compiere "senza ritardo", per consentire la frequenza dei bambini in regola con i vaccini dal settembre 2018 a giugno 2019.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl