you reporter

L'allarme sanitario

Coronavirus, in Veneto il virus non si ferma: 333 casi e 6 morti

Nella giornata di oggi due nuovi decessi dopo quello della notte a Moestre. E' Treviso la zona con il maggior numero di ammalati

Coronavirus, in Veneto il virus non si ferma: 333 casi e 6 morti

Prosegue in Veneto la lotta per arginare il coronavirus, ma per il momento - come era stato preventivato - il numero dei contagi, e purtroppo anche quello dei decessi, continua a crescere.

Nella giornata di oggi (martedì 3 marzo) si registrati altri due decessi, che vanno ad aggiungersi a quello registrato nella notte all'ospedale di Mestre (la vittima si chiamava Umberto Pavan e aveva 79 anni leggi l'articolo). 

Con i decessi di oggi salgono dunque a sei morti in Veneto.

I due decessi che si sono registrati durante la giornata sono avvenuti entrambi all'ospedale Treviso. Secondo l'Usl trevigiana "si tratta di una donna di 97 anni e di un uomo di 83 anni, entrambi con pluripatologie". Un terzo decesso, sempre a Treviso, è stato invece inserito tra i “deceduti per altre cause” anche se il paziente, affetto da problematiche cardiologiche, è risultato positivo al Covid-19.

Sale invece a 333 il numero dei contagi, con un aumento di 42 casi rispetto alla serata di ieri. Lo ha reso noto la  Regione Veneto. I pazienti ricoverati sono in tutto 81, compresi i quattro ricoverati a Rovigo (leggi l'articolo).
Dei nuovi casi, 11 riguardano il focolaio di Treviso, 4 di Vicenza, uno Vo', uno Verona, 6 fra Venezia e Mirano e tre, appunto, Rovigo.

Il maggior numero di contagi riguarda la provincia di Treviso con 93 casi ha superato anche la "zona rossa" di Vo'  (89).
 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl