you reporter

CORONAVIRUS IN VENETO

Ratificato il secondo accordo-quadro sulla cassa integrazione in deroga

Donazzan: "Al via le domande di accesso, il fabbisogno stimato è 200 milioni al mese"

donazzan[1].JPG

L'assessore della Regione del Veneto, Elena Donazzan

La Giunta regionale del Veneto ha ratificato il secondo accordo-quadro sulla cassa integrazione in deroga che consente (in attuazione dei decreti legge 9 e 18) di dare copertura per un totale di 13 settimane alle aziende e ai lavoratori che in Veneto hanno dovuto sospendere le attività a seguito della pandemia di Covid-19.

La Regione Veneto sta già approntando le procedure telematiche per raccogliere la richiesta di accesso alla Cigs in deroga da parte dei datori di lavoro interessati.

“Vogliamo dare tempestivamente le prime risposte ai lavoratori dipendenti delle imprese che, in Veneto, altrimenti non sarebbero coperte dagli ammortizzatori ordinari – dichiara l’assessore regionale al lavoro, Elena Donazzan - I due accordi siglati all’unanimità con le parti sociali sono i più estesi possibile nei limiti della previsione del governo, che – sia chiaro - per noi resta ancora insufficiente su due punti: la certezza della copertura totale delle richieste; e, la copertura per larga parte dei lavoratori autonomi, ovvero tutti quelli che per legge sono iscritti a fondi previdenziali di categoria, ai quali il ricorso agli ammortizzatori sociali allo stato attuale delle misure governative non è garantito in modo sufficiente”.

Il Veneto può contare, al momento, solo su una disponibilità complessiva di 40 milioni di euro, stanziati con il decreto legge n. 9 del 2 marzo scorso. “Siamo ancora in attesa del decreto di riparto annunciato dal ministero, a valere sul Dl del 17 marzo n. 18 che ha esteso le prescrizioni della ‘zona arancione’ a tutta l’Italia – dichiara l’assessore Donazzan - Una prima stima, incrociando i dati Inps, Veneto Lavoro e Camere di Commercio, quantifica in Veneto in circa 200 mila il numero dei lavoratori scoperti dagli ammortizzatori sociali ordinari e che avrebbero quindi diritto alla cassa integrazione in deroga. Il fabbisogno regionale stimato è dunque di circa 200 milioni di euro al mese. E’ evidente che il Veneto chiede, e credo si meriti, uno stanziamento adeguato per assicurare idonee coperture a tutti i lavoratori che rimarrebbero esclusi dagli ammortizzatori ordinari”.

Ho chiesto al presidente Zaia di intervenire, e so che lo ha già fatto coinvolgendo i governatori delle Regioni Lombardia ed Emilia Romagna – prosegue Donazzan - per sottolineare che le tre Regioni della cosiddetta ‘zona arancione’ versano in uno stato di restrizioni da emergenza Covid-19 da ben prima del decreto 18 del 17 marzo scorso. Crediamo doveroso che questa situazione sia tenuta in debita considerazione anche nel riparto delle risorse per gli ammortizzatori sociali”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl