you reporter

CORONAVIRUS IN VENETO

"In 7 giorni ci giochiamo il futuro. La mascherina? Sempre, tranne che per chi corre"

L'appello del presidente della Regione Luca Zaia: "Se dovessimo avere recrudescenze, saremmo costretti a tornare alle chiusure"

"La mascherina vi accompagnerà per mesi. Salva la vita"

Il presidente della Regione Luca Zaia con una mascherina chirurgica

"Stamattina si sono riaperte le aziende - ha annunciato il presidente della Regione Luca Zaia - 1.200.000 veneti hanno ripreso il lavoro. Oggi noi cominciamo il servizio di sorveglianza estrema, con grande preoccupazione per quanto riguarda il rispetto delle regole e dei tanti accorgimenti che sono stati suggeriti e che compaiono nelle tante ordinanze. In questa settimana ci giochiamo il futuro. Se avessimo una recrudescenza importante di reinfezione, non potremmo che ricorrere nuovamente a misure restrittive. Chiedo l'impegno di tutti, su questo fronte".

"C'è ancora chi gira con la mascherina al collo, o che lascia scoperto il naso - ha proseguito Zaia - la mascherina è un salvavita, come un farmaco, è indispensabile averla, ha protetto dalla malattia migliaia di medici. Togliendo le categorie esonerate dal suo uso, ossia disabili, bimbi sotto i sei anni, persone con difficoltà sanitaria, tutti gli altri uscendo di casa la debbono indossare sempre e comunque, con l'esonero parziale per quanti fanno attività fisica intensa. Io esco di casa, me la metto, attraverso il posteggio, vado fuori, mi riscaldo 300 metri camminando, comincio a correre, la tolgo, appena finisco di correre la metto".

Un vero e proprio appello al senso di responsabilità dei Veneti, insomma, da parte del presidente della Regione. "Oggi abbiamo registrato il 33% del traffico in più in autostrada rispetto a lunedì della settimana scorsa", ha spiefato, per dare una idea delle dimensioni della ripresa.

"Nel pomeriggio di oggi, lunedì 4 aprile, uscirà una nuova ordinanza". Ha quindi annunciato il presidente della Regione Luca Zaia. Un punto, importante, sarà sulle mense dei lavoratori: per esigenze di cantieri edili o opere pubbliche, dove ci sono gruppi definiti di lavoratori, sono ammessi servizi di ristorazione per i lavoratori indicati dal datore di lavoro, con ingresso diviso in vari turni, strettamente nominale. Tra un turno e il successivo serve la sanificazione, il personale di sala deve usare mascherine e cambiare i guanti tra i turni. "In altri termini - ha spiegato Zaia - i ristoranti sono chiusi, ma a porte chiuse possono lavorare per il personale di cantieri definiti, coi quali fare un contratto".

Poi, la ospitalità presso strutture autorizzate il cui servizio è sospeso sarà consentita, se svolta per personale della sanità. Per esempio, un agriturismo potrà ospitare personale della sanità. Di seguito, poi, ulteriori punti dell'ordinanza annunciata per il pomeriggio di oggi, martedì 4 maggio.

Attività motoria e sportiva. Include: l'attività remiera, il motociclismo, il tiro a segno, ammessi anche con spostamento e svolgimento di coppia, nel rispetto delle norme del distanziamento, per persone non conviventi, oppure senza distanziamento e mascherina, per i conviventi. Due persone in moto, per esempio, se conviventi possono anche non utilizzare la mascherina, altrimenti debbono indossarla.

Mercati e vendite in aree pubbliche. E' ammessa la vendita di fiori e pianti, libri, vestiti e scarpe per i bambini. Si amplia, quindi, l'elenco delle merci che potranno figurare sui banchi dei mercati settimanali del Veneto.

Accesso ai locali di attività economiche: consentito l'accesso, anche nelle attività sospese, per vigilanza, sanificazione, manutenzione, nonché per ricevere in magazzino le forniture. I negozi, quindi, non riaprono, ma sono ammesse tutte quelle attività propedeutiche a una riapertura che si spera vicina, ricevendo merce e sistemando i locali.

Spostamenti sul territorio regionale. Gli spostamenti ammessi nel territorio regionale per visite a congiunti sono possibili con mezzo di trasporto con a bordo anche più conviventi. La visita ai congiunti, quindi, non deve per forza di cose essere individuale. Sono ammessi gli spostamenti per acquisti di beni regolarmente in commercio, anche al di fuori del Comune di residenza.

Spostamenti verso seconde case e immobili. Gli spostamenti sono consentiti anche con un accompagnatore.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl