you reporter

CARABINIERI

Sgominato traffico di eroina e cocaina tra Veneto e Friuli

Eseguiti 8 arresti, 5 denunce e 5 custodie cautelari. Operazioni anche in Polesine

Carabiniere modello costretto a difendersi al Tar

Sgominato traffico di eroina e cocaina tra Veneto e Friuli Venezia Giulia. L'operazione, denominata "Nikol", è stata messa in atto dalla compagnia dei carabinieri di Sacile. La sua riuscita ha portato all'arresto di 8 persone, 5 custodie cautelari e 5 persone denunciate in stato di libertà.

Durante l'operazione sono stati sequestrati 70 gr di cocaina, 50 di eroina, 12 pastiglie di mdma, 400 ml di metadone, 500 pastiglie di sostanze psicotrope, 6000 euro in contanti provento di spaccio, telefoni cellulari, bilancini di precisione e sostanze da taglio. 

Alle prefetture sono stati segnalati 60 consumatori di droga.

Nel mese di Novembre 2019 i Carabinieri delle stazioni di Aviano e Polcenigo avviarono congiuntamente un’articolata attività investigativa nei confronti di una 25enne italo-americana residente ad Aviano, da anni dipendente dall’eroina, in cura al Sert. La giovane veniva sottoposta a monitoraggio mediante attività tecniche accertando che era dedita oltre al consumo anche allo spaccio di cocaina ed eroina che reperiva personalmente a Mestre e in provincia di Pordenone. Le indagini permettevano di acquisire cospicui elementi probatori a suo carico e nei confronti di altri giovani italiani ed extracomunitari domiciliati a Pordenone, Sacile, Mestre, Conegliano, Vicenza, Padova e Rovigo, dai quali reperiva gli stupefacenti. La giovane mutava nel tempo le proprie abitudini, prediligendo l’approvvigionamento dello stupefacente a Sacile e Pordenone anziché recarsi a Mestre e, nonostante la vendita di eroina, non disponeva del denaro necessario per corrispondere il pagamento delle droghe acquistate quindi spesso vendeva al prezzo di 5-6 euro ciascuna le pillole di Suboxone affidatele dal Sert press cui è in cura da anni.

Le indagini proseguivano anche nei confronti di altri soggetti con i quali Nicole fissava incontri per la compravendita di droga. In particolare una coppia di fidanzati di 27 e 23 anni di Caneva (PN) e di Sacile ai quali si rivolgeva dopo aver abbandonato il pusher di Mestre. Con loro, a bordo della propria autovettura, raggiungeva Conegliano (TV) per rifornirsi da due 23enni nigeriani. L’assidua richiesta di terzi e la necessità di soddisfare le proprie esigenze non sempre accontentate dalla coppia di fidanzati, induceva Nicole a rivolgersi anche ad un altro nigeriano, un 24enne operaio di Pordenone e un albanese 22enne nullafacente di Sacile. Le indagini permettevano di individuare i fornitori di Conegliano, due 23enni, e un fornitore di Mestre nigeriano senza fissa dimora. La giovane italo-americana e la coppia di fidanzati si rivolgevano agli extracomunitari per l’approvvigionamento di droghe almeno due/tre volte la settimana (con carico variabile tra 10 e 30 dosi a viaggio). 

I primi riscontri alle attività investigative venivano ottenuti la notte del 22 gennaio 20: i carabinieri delle stazioni di Aviano e Polcenigo arrestavano per detenzione finalizzata alla cessione illecita un albanese appena sceso alla stazione FF.SS. di Sacile dove era giunto proveniente da Vicenza ove aveva recuperato 19 dosi di cocaina e 95 di eroina.

Sempre il 22 gennaio al termine di prolungato servizio di osservazione e pedinamento a carico della giovane italo-americana e e di un 36enne di Pordenone, i carabinieri rinvenivano nella disponibilità della giovane una dose di eroina e 5 pastiglie di SUBOXONE. Nell’abitazione dell’uomo rinvenivano 12 pastiglie di MDMA (Extasy) sostanze psicoattive marchiate con un teschio, 15 grammi di sostanza da taglio e un bilancino di precisione: il 36enne veniva arrestato e posto in regime di arresti domiciliari.

In data 5 febbraio 20 i due 23enni domiciliati a Conegliano, dopo aver ceduto cocaina ed eroina alla coppia di fidanzati, colti in flagranza di reato tentavano di fuggire per sottrarsi all’arresto aggredendo i carabinieri. Le perquisizioni riscontravano dosi di cocaina ed eroina confezionate in involucri sferici da 0,5 grammi, materiale per il confezionamento ed il taglio delle sostanze, somma contante per 4650 euro provento di attività di spaccio. Nella loro disponibilità anche ovuli di cocaina da 12 grammi ciascuno, sigillati in profilattici per il trasporto intracorporeo analogamente alle dosi di eroina e cocaina per essere occultate in bocca dai pusher fino al momento delle cessioni. 

Il 19 febbraio 20 la medesima tecnica di occultamento e trasporto viene adottata da un nigeriano s.f.d. irregolare sul territorio. Colto in flagranza di spaccio di alcune dosi di cocaina dai carabinieri di Aviano e Polcenigo in trasferta nel Polesine, l’extracomunitario non esitava ad ingoiare lo stupefacente: esame radiologico e TAC confermavano la presenza delle droghe pazientemente recuperate e sequestrate. Incurante della lieve misura cautelare applicata nei suoi confronti dal GIP, l’extracomunitario riprende l’attività di spaccio fissando nuovi incontri con la coppia di fidanzati cedendo loro stupefacenti nel quartiere Arcella di Padova, così evidenziando predisposizione a delinquere e non comune facilità nel reperire le sostanze. Per la coppia di fidanzati egli risulta infatti uno tra i migliori fornitori per qualità e prezzo della merce proposta. 

Anche la coppia di fidanzati non sfugge alla rete degli investigatori: la sera del 13 febbraio vengono perquisiti e trovati in possesso di 15 dosi tra eroina e cocaina, un flacone di metadone, sostanze da taglio e materiali per il confezionamento; verranno denunciati (torneranno subito a Padova a riacquistare eroina e cocaina). Il 05 marzo 20 a bordo dell’autovettura VW Polo condotta dalla donna vengono nuovamente controllati dai carabinieri di Aviano, Polcenigo e dell’aliquota radiomobile di Sacile che li sorprendono, provenienti dal Veneto, con analoghe quantità di stupefacenti. Nell’abitazione del 27enne vengono rinvenute 500 pastiglie di antipsicotici, prive di alcuna prescrizione medica, tanto da supporre potessero essere commercializzate come stupefacenti o usate come sostanze da taglio; nel garage occultate anche 180 cartucce da caccia di vario calibro abusivamente detenute. Entrambi arrestati in flagranza di reato, rimangono a disposizione dell’A.G. in regime di arresti domiciliari.


In data 08 maggio 20 i carabinieri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Sacile, già nella fase 2 del periodo connotato dalle restrizioni per contenere la pandemia da Covid-19, arrestano il 24enne. In Porcia (PN) alle prime luci dell’alba aveva ceduto una dose di eroina ad un consumatore del luogo;  colto in flagranza dai militari si dava alla fuga in bicicletta fino a quando raggiunto strattonava e percuoteva i militari che lo bloccavano. Occultati nel cavo orale deteneva circa 10 grammi di eroina confezionata in dosi termosaldate pronte allo smercio. Il nigeriano già da tempo monitorato nell’ambito delle indagini si era specializzato nello spaccio in bicicletta: concordato lo scambio, avvicinava gli acquirenti che rimanevano a bordo delle loro autovetture, consegnava velocemente le dosi dal finestrino per poi allontanarsi.

Le fasi conclusive dell’operazione si sono svolte questa mattina all’alba con l’impiego di 40 carabinieri della Compagnia di Sacile supportati da colleghi della Compagnia di Pordenone e del Nucleo Carabinieri Cinofili di Torreglia (PD) intervenuti con 2 cani antidroga. Oltre alle misure cautelari sono state eseguite anche una decina di perquisizioni in Sacile, Aviano, Fontanafredda, Caneva e Pordenone rinvenendo alcune dosi di eroina e marijuana

Verranno segnalate alle competenti prefetture ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90 (quali assuntori di stupefacenti circa 60 persone (29 Prefettura di Treviso, 33 Prefettura di Pordenone, 2 Prefettura di Belluno). Sono prevalentemente cittadini italiani di età compresa tra 20 e 30 anni (20 persone), tra 30 e 40 anni (25 persone), oltre 40 anni (17 persone), prevalentemente operai e/o disoccupati, molti dei quali già segnalati alle Prefetture quali assuntori.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl