you reporter

ISTRUZIONE

"Scuola, veneto pronto alla ripartenza. Il Governo un po' meno"

Il commento dell'assessore Elena Donazzan

117101

Elena Donazzan

"Le Amministrazioni comunali in Veneto si sono attivate fin da subito, grazie anche al manuale operativo elaborato dall’Ufficio Scolastico Regionale in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione della Regione, per far ripartire la scuola nel rispetto delle indicazioni, delle distanze e dell’organizzazione degli spazi, dando serenità a famiglie e docenti". Lo ha affermato l’Assessore Regionale all’Istruzione del Veneto a margine del sopralluogo all’asilo nido Fontanelle e all’Istituto Comprensivo Fogazzaro di Piovene Rocchette (Vicenza).

“All’asilo nido è previsto controllo temperatura e obbligo di igienizzazione all’ingresso, con apposite isole per separare in gruppetti i bambini per tutta la durata della giornata – spiega l’Assessore - Negli altri plessi scolastici, distanza di sicurezza tra i banchi, con percorsi appositamente individuati per il deflusso degli studenti senza alcun assembramento. A Piovene Rocchette, dove l’asilo nido Fontanelle ha già ripreso martedì scorso la propria attività, ho trovato una situazione sotto controllo anche grazie ad una ottima collaborazione tra i dirigenti scolastici e l’Amministrazione comunale”.

“Spero che tutto il lavoro fatto in Veneto non venga ora vanificato dall’ennesimo cambio di rotta o dalla mancanza di chiarezza da parte del Ministero: pesa in tutto questo il limite decisionale di scuole e territori, perché tutto ciò di cui stiamo trattando è competenza esclusiva dello Stato – prosegue l’Assessore regionale - Siamo a pochi giorni dall’avvio dell’anno scolastico e restano ancora i noti problemi sul fronte dei trasporti, perché l‘accordo imposto dal governo non risolverà il problema della mancanza di servizi per gli studenti, in particolare delle scuole superiori, e manca la certezza delle risorse con cui le amministrazioni locali dovrebbero far fronte alle maggiori spese”.

“È peggiorata inoltre anche la situazione dei docenti, negli anni mai risolta, in tema di concorsi e di copertura degli incarichi di ruolo: ci troviamo oggi con insegnanti chiamati a prestare servizio in luoghi lontani dall’indirizzo di residenza, con posti vacanti vicini. Si ignorano infine le competenze della didattica, penso al sostegno e alle specializzazioni, e per questo si incaricano a caso gli insegnanti. Era questo il momento per riordinare concorsi ed incarichi, risolvendo l’annoso tema della copertura dei posti di ruolo con logica e rispetto del personale docente”, conclude l’Assessore regionale all’Istruzione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl