you reporter

VENETO

Al via gli incentivi per orfani, genitori soli, nuclei numerosi e/o disagiati

Nuove modalità quest’anno per gli interventi regionali a sostegno delle famiglie fragili del Veneto

Al via gli incentivi per orfani, genitori soli, nuclei numerosi e/o disagiati

Nuove modalità quest’anno per gli interventi regionali a sostegno delle famiglie fragili del Veneto.

Anticipando quanto previsto dalla nuova legge regionale a sostegno della famiglia in vigore da quest’anno e la prossima istituzione del ‘quoziente familiare’, la Giunta regionale del Veneto ha affidato ai 21 Ambiti Territoriali Sociali (le ex Ulss), d’intesa con i Comuni, la gestione degli interventi economici per le famiglie numerose, i genitori separati o divorziati, gli orfani, i nuclei in difficoltà economica. “Un passo ulteriore sulla via della semplificazione e della sussidiarietà – spiega l’assessore regionale alla Sanità e al Sociale – per accelerare l’erogazione dei contributi avvicinando i ‘centri di spesa’ ai cittadini e coinvolgendo in modo attivo i Comuni, che sono le prime sentinelle dei bisogni sociali e gli erogatori effettivi dei contributi economici, dei servizi o delle agevolazioni nelle tariffe. Il programma regionale dei vari interventi economici, già accorpato in un'unica linea di finanziamento, è affidato agli Ambiti territoriali che provvederanno a ripartirlo ai propri Comuni in base alle istruttorie condotte dagli enti locali. La Regione si è riservata la programmazione complessiva della tipologia degli interventi e il riparto del fondo tra i 21 ambiti”.

Il programma di interventi, che vale 4.180.000 di euro per il 2020, si rivolge in particolare - ai genitori soli, separati o divorziati offrendo un contributo di mille euro per il canone di affitto o per far fronte a servizi educativi e scolastici e a bisogni primari; - ai nuclei familiari con figli orfani di uno o entrambi i genitori, con contributi di mille euro per ogni figlio in minore età; - alle famiglie numerose con quattro o più figli e a quelle con parti trigemellari, con contributi di 125 euro a figlio per le famiglie numerose, e di 900 euro per le famiglie con tre gemelli (fino al compimento del 18° anno di età), - alle famiglie in difficoltà economica con contributi di 75 euro per ogni figlio iscritto ad associazioni ed enti di promozione sportiva. Potranno presentare domanda ai propri comuni di residenza i nuclei familiari con Isee fino a 20 mila euro e che siano residenti in Veneto.

I sostegni economici saranno cumulabili: ad esempio, una madre vedova, con quattro figli minori e con un’abitazione in affitto, potrà accedere al sostegno regionale per tutte e tre le linee di intervento. L’eventuale presenza nel nucleo familiare di portatori di handicap o di malati cronici e la residenza in Veneto da almeno due anni costituiranno criteri di priorità nell’assegnazione dei contributi. Il punteggio raddoppierà (da 5 a 10 punti) se i richiedenti risiedono in Veneto da più di dieci anni. Particolari requisiti di priorità (15 punti) saranno riconosciuti, inoltre, agli orfani di vittime di femminicidi e agli orfani con disabilità. In base alle nuove modalità di gestione del fondo regionale, le famiglie dovranno rivolgersi direttamente ai Comuni di residenza per conoscere modalità e tempi per presentare istanza.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl