you reporter

La storia

Il Papa chiama il don in prima linea contro il Covid

Il racconto del parroco: "Mi tremavano le gambe".

Il Papa chiama il don in prima linea contro il Covid

23/04/2021 - 13:28

"Offri il tuo dolore per il bene della Chiesa e per intenzioni del Papa". Non di rado don Marco Galante, cappellano agli ospedali riuniti Padova sud Madre Teresa di Calcutta di Schiavonia, già impegnato lo scorso novembre h24 nel reparto Covid, si è trovato (e si trova tuttora) a sostenere e incoraggiare con queste parole i malati nelle sue visite ai reparti. Di fronte al riscontro di alcuni di loro ha preso carta e penna e ha scritto una lettera a papa Francesco per condividere la preghiera che giunge anche dalle corsie degli ospedali ma anche il sostegno che i malati hanno trovato nel momento di sofferenza affidando il proprio dolore.

E papa Francesco, ricevuta la lettera, non ha esitato prendere in mano il telefono e chiamare don Marco. "E' successo ieri mattina, alle 11.37 - racconta don Marco, precisando l’orario, perché esperienze così non si dimenticano - Ero in canonica e avevo appena terminato un collegamento di formazione con un gruppo di preti e mi preparavo a uscire per tornare in ospedale. Sento vibrare il telefono e vedo campeggiare la scritta "sconosciuto" sul display. Rispondo e mi sento dire: "Pronto, parlo con don Marco Galante? Sono papa Francesco"".

A quel punto don Marco ha dovuto sedersi per l’emozione e la sorpresa: "Mi è sfuggito un "o mamma mia" ma dall’altra parte mi sono sentito dire sorridendo "no, non sono la sua mamma, sono papa Francesco!"'. Sorride emozionato raccontandolo anche don Marco Galante, a cui solitamente non manca la battuta pronta e ironica. Ma questa volta è stato papa Francesco a spiazzarlo. Poi la conversazione prosegue per quattro minuti e una manciata di secondi. Una telefonata densa cordiale: "Mi è sembrato un tempo surreale, mi tremavano le gambe e mi sentivo confuso interiormente. Ho ascoltato più che parlare. Papa Francesco mi ha detto di aver ricevuto la mia lettera e mi voleva ringraziare per quello che sto facendo a nome della Chiesa, che ha raccolto anche la fatica di fronte al dolore di tante persone e mi ha ricordato che è molto importante stare accanto a chi soffre. Si è informato sulla situazione in ospedale e poi mi ha esortato con queste parole "non si avvicini mai per abitudine accanto a chi soffre".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl