you reporter

Altopiano dei Sette Comuni, in bici sugli antichi binari

Ciclisti per caso

79547
ALTOPIANO DI ASIAGO – In bici sugli antichi binari, a mille metri di quota. Per gli appassionati di escursioni in montagna un itinerario originale e assolutamente da non perdere è quello che ripercorre il tracciato della vecchia ferrovia.



Una rilassante pedalata di circa un’ora e mezza, caratterizzata da un piccolo dislivello che accompagna dolcemente i ciclisti attraverso boschi ombrosi di faggi e conifere, gallerie scavate nella roccia e scorci pittoreschi sui paesini dell’Altopiano.



Nei panni di “macchinisti ecologici” raggiungete l’antica stazione dei treni, vicino allo stadio del ghiaccio, ma qui anziché salire in carrozza, salite sulla sella della vostra bici, pronti a vivere un’emozionante pedalata d’alta quota. L’inizio della pista è su strada asfaltata e dopo poche centinaia di metri, sulla sinistra, si apre già un bel panorama su prati e boschi.



Arrivati in prossimità di un centro commerciale, aggiratelo sulla destra e poi mantenete la sinistra. Qui la pista si allontana dalla strada, diventa sterrata e corre in mezzo ai prati.



Un leggera salita vi porterà alla vecchia stazione di Canove: la riconoscerete per l’enorme locomotiva nera collocata di fianco all’edificio, un cimelio per ricordare ai montanari di oggi l’importanza che la strada ferrata ha avuto nello sviluppo dell’Altopiano.



Prima dell’avvento della ferrovia, infatti, Asiago era un paesino di montagna sperduto come tanti altri, è stato il treno a svilupparne il commercio e a lanciare la località nell’orbita del turismo nazionale. Il viaggio inaugurale Rocchette-Asiago venne effettuato nel 1909: il treno viaggiava a 10 km/h e nel tratto iniziale doveva essere trainato da una cremagliera.



Nonostante la lentezza, che oggi potrebbe far sorridere, questo mezzo rivoluzionò i collegamenti fra montagna e pianura, anche in termini di affidabilità: nei suoi 50 anni di servizio, infatti, non fu mai segnalato nessun incidente.



Superata Canove, vi addentrerete nei boschi di conifere e, dopo un breve saliscendi raggiungerete Cesuna attraversandone il centro, per poi provare il brivido del passaggio in galleria. Sono ben due i tunnel che vi aspettano: il primo lungo circa 400 metri, l’altro, invece, un po’ più corto.



All’uscita dalla seconda galleria troverete il paese di Tresché Conca, dove pedalerete prima su un tratto asfaltato e poi di nuovo nel bosco per raggiungere l’ex stazione di Campiello, l’ultima fermata della vostra “locomotiva a due ruote”.



Dopo un po’ di meritato riposo a contatto con la natura, salite di nuovo in sella per fare ritorno ad Asiago, percorrendo a ritroso gli antichi binari.


LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

GLI SPECIALI

speciali: TESORI un viaggio tra terra mare e lagune
speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl