you reporter

A Vienna per i mercatini di Pasqua

Il viaggio

VIENNA 4.jpg
Dal 16 marzo al 2 aprile si terranno a Vienna i famosi mercatini di Pasqua. Il quartiere più vecchio di Vienna include piazza Freyung dove a Pasqua viene realizzata la torre di uova più alta d’Europa: ben 40.000 uova pasquali decorate. Se lo spettacolo della torre delle uova dipinte non basta, i mercatini, che sono dislocati anche al Castello di Schönbrunn e includono quello dell'artigianato Am Hof, offrono specialità gastronomiche e culinarie.
Un’ottima occasione per visitare una delle città più affascinanti d’Europa!



Cosa vedere:

Soprannominata la Città dei sogni dispone di un centro storico meraviglioso, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco. Fate partire il vostro itinerario con una colazione a base di Sacher al Demel. Qui vicino sorge l'Hofburg Palace, dove potrete accedere a vari musei tra i quali il Museo delle Argenterie e quello dedicato alla principessa Sissi. Dirigendovi poi a nord-ovest, attraversando il parco Volksgarten, arriverete al Rathaus, il nuovo municipio di Vienna. Da qui prendete Auwrspergstrasse o la metropolitana fino a Volksheater, che vi porterà a Maria-Theresienplatz, dove troverete alcuni dei musei più importanti di tutta l'Austria. Vi attendono il Naturhistorisches Museum, che contiene più di 20.000 reperti che raccontano la storia dell'uomo sulla Terra, ed il Kunsthistorisches Museum, costruito per ospitare la collezione imperiale, e che ad oggi conta una delle collezioni d'arte più grandi del mondo, con opere di Klimt, Caravaggio, Cellini e Raffaello. Sempre in questa zona, ci sono il Mumok, il museo di arte moderna, ed il Leopold Museum, che invece raccoglie la collezione privata di Rudolf Leopold, esperto d'arte, che va dal Liberty viennese all'Espressionismo.


Dopo un pranzo veloce al Cafe Restaurant Halle, prendete l'autobus 57A o la metropolitana U4 fino a Schonbrunn, uno dei palazzi più famosi di Vienna e di tutta l'Austria. Ex residenza estiva degli Asburgo, il palazzo comprende 1441 stanze, di cui solo 40 oggi sono visitabili. Tornate verso il centro storico di Vienna, a Albertinaplatz dove troverete la Galleria Albertina, dove troverete opere di Raffaello, Klimt, Leonardo, Warhol, Monet e Picasso.
Spostatevi a piedi poi su Seilerstaette fino a raggiungere la Haus der Musik. Incamminatevi verso nord tra le vie del centro storico e raggiungerete Stephansplatz, dove sorge la Cattedrale di Santo Stefano, una delle chiese più famose del mondo, con la sua campana da più di 20 tonnellate. Passerete attraverso il Riesentor, il Portale dei Giganti e da lì vedrete il pulpito di pietra, in puro stile gotico.


Cosa fare la sera:

La sera recatevi al Prater. Questo parco divertimenti è anche uno dei luoghi più amati dai viennesi e in origine era la riserva di caccia imperiale, mentre ora è il luogo dello svago: gli abitanti di Vienna amano passeggiare tra i suoi viali alberati, fermarsi a prendere una bevanda nei vari bar e chioschi disseminati su tutto la zona. Il parco divertimenti conta almeno 250 attrazioni tra i quali le immancabili montagne russe e la ruota panoramica. All'interno del Prater si trova lo Schweizerhaus, uno dei locali tipici di Vienna, dove potrete cenare con piatti tradizionali della cucina austriaca, accompangandoli con un'ottima birra locale ovviamente.



Cosa mangiare:

Uno dei piatti tipici più noti, forse il più famoso in assoluto, è lo Schnitzel, una rivisitazione della cotoletta alla milanese, che viene servito spesso insieme ad una insalata di Patate: patate bollite e tagliate a dadi più o meno piccoli, conditi con cipolla cruda tritata ed una salsa a base di senape delicata.
Precedono ogni pasto le immancabili zuppe brodose o cremose, a base di carne o di verdure, solitamente servite in piccole coppe o tazze.
Esiste poi una versione viennese del goulash ungherese: una salsa molto densa, speziata e leggermente piccante avvolge pezzi di carne di vitello tenerissimi ed è accompagnata da patate lesse o gnocchi di pane.
Altro piatto tipico è la salsiccia o meglio i bruhwurst, di cui esistono diverse versioni, servite nei ristoranti e nei chioschi, e accompagnati da patatine fritte e pane. A Vienna il momento del cafè e della pausa dolce sono sacri.
Ovviamente il dolce da provare è la Sacher, nata proprio a Vienna, nell’Hotel omonimo. C’è infine lo strudel di mele e al formaggio, dove al posto delle mele vi è una farcitura a base di formaggio dolce, simile alla nostra ricotta.
Come arrivarci:
Potrete raggiungere Vienna in automobile, partendo da Rovigo, in poco meno di 7 ore di viaggio, ma la soluzione certamente migliore sta nel prendere un volo dagli aeroporti di Verona o di Venezia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: TESORI tra fiumi terra e lagune
speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Cambia le impostazioni sulla privacy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl