you reporter

Badia Polesine

Sfilata storica, il Comune non dà il patrocinio

Sfilata storica di Badia, il Comune non dà il patrocinio. Manifestazione fissata per il 30 giugno, organizzata dall’associazione “Amici di San Teobaldo”. L’assessore Valeria Targa: “Per la concomitanza di un altro impegno istituzionale”.

Sfilata storica, il Comune non dà il patrocinio

Il Comune di Badia Polesine sceglie di non dare il patrocinio all’imminente sfilata storica di rievocazione medievale.

Nelle locandine che annunciano la manifestazione, fissata per sabato 30 giugno ed organizzata come sempre dall’associazione “Amici di San Teobaldo”, si possono vedere i loghi del patrocinio della Provincia di Rovigo e della Regione Veneto, ma non quella del Comune di appartenenza.

Come spiega l’assessore alla cultura, Valeria Targa, nel corso della riunione del comitato gemellaggi, il motivo della scelta, da parte dell’amministrazione, di non dare il proprio patrocinio ad uno degli appuntamenti più importanti del panorama badiese, arrivato quest’anno alla dodicesima edizione, è da ricercare nella “concomitanza, nello stesso giorno, di un altro impegno istituzionale”.

La giunta guidata da Giovanni Rossi ha quindi dovuto valutare la situazione.

“In questo caso specifico, l’amministrazione ha deciso di non partecipare alla sfilata storica - sottolinea Valeria Targa che chiarisce - Visto che l’amministrazione comunale ha deciso di non partecipare all’evento, non è stato possibile di conseguenza dare il patrocinio”.

La tradizionale sfilata storica si snoderà tra le vie principali del centro storico come ogni anno, animando per una sera la piazza di Badia Polesine.

La sfilata storica è anche il tradizionale momento in cui, ogni anno, arriva una delegazione della cittadina francese di Saint Thibault de Vignes, gemellata con Badia, legata con il Comune dalla condivisione dello stesso Santo patrono, ovvero San Teobaldo, la cui ricorrenza ricade il primo luglio, il giorno successivo alla manifestazione.

La sfilata storica fa parte di un evento più complesso, chiamato “Grande festa medievale”, che si articola in diversi momenti dai tratti storici.

Per questa edizione, inoltre, sono previste alcune novità, tra le quali un contest fotografico, che non deluderanno gli appassionati di rievocazioni medievali che come ogni anno arrivano nel Comune altopolesano per poter rivivere insieme momenti del passato e della tradizione della città di Badia Polesine.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Ci sono 4 nuovi contagiati
CORONAVIRUS IN VENETO

Ci sono 4 nuovi contagiati

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl