you reporter

Nuoto paralimpico

Sara Zanca inizia l’avventura mondiale

La campionessa di Canaro sarà da domani a Truro, in Canada, a caccia di medaglie iridate con la nazionale italiana

Sara Zanca inizia l’avventura mondiale

Inizia domani l’avventura canadese di Sara Zanca ai campionati mondiali di nuoto paralimpico.

La competizione internazionale, in programma a Truro, in Canada, inizia domani e terminerà il 27 luglio.

La campionessa di Canaro è stata riconvocata in nazionale e ha tutte le intenzioni di portare a casa altre medaglie.

In questo mondiale Sara gareggerà nei 50,100, 200 stile libero, nei 50 e 100 Dorso e nelle Staffette. Non è la prima volta che la campionessa polesana partecipa a competizioni mondiali con ottimi risultati: infatti, è già salita sul tetto del mondo ai campionati del mondo di nuoto Dsiso nel 2012 in Cina e ai Trisome games di Firenze nel 2016. La delegazione italiana partita per il Canada è composta da 10 atleti, 5 maschi e 5 femmine, che sicuramente terranno alto il nome della nazionale azzurra.

La nuotatrice è reduce dai campionati italiani Fisdir che si sono svolti a Bressanone il mese scorso, dove ha ottenuto una medaglia di bronzo nella staffetta. Sara, si è allenata molto per questi mondiali, sia in acqua, sia in palestra, con una media di 5 allenamenti settimanali della durata di tre ore in piscina, più due giorni anche in palestra.

A guidarla in questa preparazione è stata la sua storica allenatrice, Nicoletta Carnevale, con il supporto delle collaboratrici Stefania Nalin e Loretta Donegà, grazie alla grande disponibilità dei dirigenti del polo natatorio di Rovigo.

La campionessa, inoltre, ha curato la sua preparazione tecnica nella palestra “Enjoy” di Santa Maria Maddalena, sotto la supervisione del suo personal trainer Tito Tassinari. “Alleno Sara da vent’anni - ci racconta Nicoletta - ma non sono potuta andare con lei in Canada perché molto impegnata con la mia associazione”.

Nicoletta Carnevale, oltre ad essere allenatrice di Sara, è infatti anche la presidente della società Uguali Diversamente, dove l’atleta polesana è tesserata.

Ma in Canada, Nicoletta sarebbe dovuta andare anche perché ha recentemente ricevuto la convocazione ufficiale come tecnico della nazionale italiana, un traguardo decisamente importante che rende onore non solo ad un tecnico davvero molto preparato, ma anche ad una persona con un cuore decisamente grande.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl