you reporter

Calabria

La Calabria più bella che mai: da Rocca Imperiale a Trebisacce

Il Viaggio

La Calabria più bella che mai: da Rocca Imperiale a Trebisacce

Mare, tradizioni culturali e montagne. In primavera la Calabria è più bella che mai: macchie colorate con le sfumature del verde in collina sullo sfondo del mare la cui ebbrezza si mescola con il profumo dei fiori di limone. L’ideale per coloro che cercano un soggiorno dove è vietato annoiarsi: spiagge, campagne sul mare, borghi medioevali, siti archeologici ed escursioni in montagna. Siamo nell’Alto Jonio Cosentino sulla fascia che va da Rocca Imperiale a Trebisacce e che arriva a toccare, nell’entroterra, anche il Parco nazionale del Pollino in montagna.

Si parte da Rocca Imperiale, un paesino arrampicato sulla collina e dominato da un castello federiciano, sapientemente restaurato. Infatti, gli interventi di restauro hanno lasciato intatto tutto il fascino del maniero dove si possono vedere persino i segni della pece lungo le pareti della torre. Ma Rocca Imperiale è anche “il paese della poesia”: ogni anno ad agosto viene celebrato un famoso premio di poesia, il cui vincitore scopre di aver vinto solo all’ultimo istante, quando viene scoperta la sua poesia riprodotta su una stele di ceramica maiolicata affissa sulle pareti di una casa di Rocca. Ma chi dice Rocca Imperiale dice limone. Ottenuto il marchio Igp, il prodotto viene ormai esportato in tutta Italia.

A picco sul mare, il simbolo di tutta l’area è il castello di Roseto Capo Spulico. Molto intrigante la sua storia: tutto lascia pensare che, realizzato da Federico II, veniva frequentato dai Templari prima che partissero in Terra Santa. Tutto il circondario riproduce la piana di Gerusalemme. Non a caso, a pochi chilometri da Roseto, si trova il paesino di Monte Giordano. Il castello domina una lunga spiaggia con i ciottoli bianchi. Poco più in alto si trova Roseto paese abbarbicato in collina con il suo saliscendi di viuzze e le case marroni, tipiche della zona.

Per gli amanti dell’archeologia, c’è il sito di Francavilla Marittima, dove si leggono i resti dell’imponente tempio alla dea Atena e dove si suppone ci sia la tomba di Epeo, uno degli eroi greci, che tornava in Patria da Troia, ma approdò sulle coste della Calabria.

Non può mancare la passeggiata sul lungomare di Trebisacce, dove campeggia la statua di San Francesco di Paola, protettore dei marinai. Salendo, il paese, insignito della Bandiera Blu, sembra un presepe affacciato sul mare. Nel centro storico da non perdere una visita nella Chiesa madre dedicata a San Nicola di Mira, un santo orientale, molto venerato, e che sancisce in questa zona della Calabria così ricca di arte, storia e cultura, l’incontro tra due civiltà: l’Oriente e l’Occidente. Info:www.galaltojonio.it

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

GLI SPECIALI

speciali: I NOSTRI TESORI tra fiumi, mare e lagune
speciali: Teatro Sociale di Rovigo

Notizie più lette

Copyright 2018 © | Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy - Condizioni di utilizzo

Powered by Gmde srl